Quotidiani locali

Addio a Sergio Tremul, il fondatore di Camminatrieste

«Mi ricordo che a sei anni nel 1936, mia nonna viene a prendermi al Porto di Muggia: “Andiamo a casa che in piazza c’è confusione”. I fascisti avevano ucciso il marittimo muggesano Rossetti nel bar...

«Mi ricordo che a sei anni nel 1936, mia nonna viene a prendermi al Porto di Muggia: “Andiamo a casa che in piazza c’è confusione”. I fascisti avevano ucciso il marittimo muggesano Rossetti nel bar sotto il Municipio e tanta gente protestava, ricordi e immagini rimasti indelebili insieme a tanti altri. Nel 1944 all’età di 14 anni, lavoravo in un cantiere navale di Muggia, mancava un anno alla fine della guerra, giovani e lavoratori del cantiere ci davamo da fare con azioni di propaganda e volantinaggio contro Fascisti e Tedeschi. In quel periodo mi ero iscritto alla gioventù comunista del cantiere e poi fino alla fine del 1948, segretario della gioventù comunista e antifascista di Muggia. A 18 anni sono stato festeggiato per il mio impegno da parte di centinaia di giovani muggesani». I ricordi di Sergio Tremul, scomparso l’altro ieri all’età di 87 anni, incrociano pesantemente il secolo breve che l’ha visto come protagonista da dirigente del Pci di Muggia, segretario comunale della Cgil e anche segretario regionale della Filt Cgil, settore trasporti. In questa veste è stato presente nel Comitato consultivo per il Trasporto pubblico della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e per quattro anni membro della Commissione amministratrice dell’Act (l’attuale Trieste Trasporti).

Da pensionato, nel 1991, fonda assieme a un gruppo di amici, il Comitato per la sicurezza ed i diritti del pedone, che successivamente diventa Coped Camminatrieste. «Era un uomo con una grande personalità, uno spiccato senso dell’umorismo e dal cuore d’oro», ricorda la nipote Erica Sancin a nome del direttivo Camminatrieste. «Ha lottato per la salvaguardia dei pedoni e delle vittime della strada,

per la tutela dell’ambiente e per il miglioramento del trasporto pubblico locale - ricorda la nipote -. Spero che tutto quello per cui lui ha lottato e che ha cercato di far capire a noi tutti, pedoni, autisti, ciclisti, non sia stato vano». Camminatrieste è in cammino da 26 anni.

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro