Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

La Croce verde cresce: oltre 2.500 interventi in 13 comuni della Bassa

Cervignano: incidenti stradali in aumento, infortuni in calo Nel 2017 percorsi 273 mila km (sette volte il giro del mondo)

CERVIGNANO. Con 273 mila chilometri percorsi durante il 2017, le ambulanze della Croce Verde Basso Friuli di Cervignano hanno fatto 7 volte il giro del mondo. Il sodalizio cervignanese, una delle maggiori associazioni di volontariato della regione, conferma la propria presenza capillare sul territorio della Bassa friulana.

La Croce Verde, che conta oltre 4 mila soci e che copre 13 Comuni, garantisce efficacemente il soccorso d’emergenza, i trasporti e i servizi ambulatoriali.

I dati relativi ai servizi e ai chilometri complessivamente percorsi, spiega il presidente, avvocato Diego Modesti, sono costantemente in aumento rispetto agli anni precedenti. La brutta notizia è che, nel corso del 2017, nella Bassa, sono aumentati ancora gli incidenti stradali, spesso causati da distrazione: 109 lo scorso anno contro 106 del 2016 e 74 del 2015. Sono in lieve diminuzione, invece, gli infortuni sul lavoro: 6 lo scorso anno e 9 nel 2016. In diminuzione i servizi relativi ai malori nei luoghi pubblici (169 nel 2017 contro i 182 del 2016 e i 190 del 2015). Sono raddoppiati, invece, gli interventi di assistenza durante le manifestazioni sportive: 14 lo scorso anno e 6 nel 2016. Le cadute accidentali sono state in tutto 63 contro le 66 del 2017. Sostanzialmente in linea i ricoveri ospedalieri (1808 contro 1811), con un chilometraggio complessivo pari a 63 mila chilometri, invariato rispetto al 2016.

«Sono numeri impressionanti – commenta il presidente Modesti –. L’associazione è in continua crescita, radicata da oltre 25 anni in questo territorio. Siamo impegnati da sempre nel soccorso d’emergenza al servizio del 118 e anche nel trasporto non d’emergenza, in cooperazione con l’Azienda per i servizi sanitari 2 “Bassa friulana-isontina” e con le amministrazioni comunali di Cervignano, Aquileia, Fiumicello e Terzo».

Questo impegno, sottolinea Modesti, si traduce in un enorme impiego di risorse economiche, alle quali la Croce Verde fa fronte grazie ai soci, ai donatori pubblici e privati e agli sponsor «che permettono ai tanti volontari, perno del sodalizio, di offrire quotidianamente il loro prezioso aiuto con capacità, sensibilità e preparazione». Notevole il dispiegamento di risorse umane, cui l’associazione sopperisce grazie ai volontari, che offrono il loro aiuto con capacità e preparazione encomiabili. La Croce Verde è prima di tutto un’associazione di volontariato, che basa la propria forza proprio sulla disponibilità e sulle capacità dei volontari, coordinati dal direttore amministrativo Roberto Drusetta, e da quello sanitario Federica Zogolini.