Quotidiani locali

verso le elezioni 

L’Udc rilancia il centro unito ma Scelta civica si allontana

Agitate da tempo sulla sponda sinistra, le acque sembrano mosse anche al centro del mare magnum della politica italiana. E locale. L’Udc cittadino fa sapere che il deputato Angelo Compagnon ha...

Agitate da tempo sulla sponda sinistra, le acque sembrano mosse anche al centro del mare magnum della politica italiana. E locale. L’Udc cittadino fa sapere che il deputato Angelo Compagnon ha incontrato a Monfalcone iscritti e simpatizzanti isontini del partito per illustrare «la linea strategica del partito impegnato con il segretario cesa e il presidente De Poli nella costruzione con altre personalità moderate di un nuovo soggetto politico che si chiamerà Noi con l’Italia Udc». Il simbolo, che contiene lo storico scudocrociato di democristiana memoria, è già stato depositato e con quella veste il nuovo soggetto si presenterà alle elezioni politiche del 4 marzo e alle regionali, ad aprile.

Per Renato Colpo, presidente regionale e componente della direzione nazionale di Scelta civica per l’Italia, il progetto «è già fallito». Il motivo? La scelta delle candidature alle nazionali. «Il brutto trattamento riservato ai nostri leader – afferma – si è riversato a pioggia anche sui territori. La miope visione e l’incontrollata bramosia di poltrone dell’Udc ha portato quel partito a coprire con i propri uomini tutti i collegi, escludendo non solo noi di Scelta civica, ma anche gli amici di Fare per Tosi, di Direzione Italia e dei simpatizzanti di Lupi». Colpo afferma quindi non credere che il suo impegno personale per Noi con l’Italia Udc continuerà. «Nei prossimi giorni valuterò il da farsi – afferma –. La stessa cosa la stanno valutando altri amici del partito. La passione politica, comunque, non verrà meno». Colpo, però, non nasconde quanto sia «grande la delusione per quanto accaduto».

L’Udc locale dal canto suo afferma invece che il nuovo soggetto, forza politica che «vuole affermare nella coalizione i valori cattolico liberali», si colloca come «quarta gamba, con Fi, FdI, Lega, nel centrodestra

alla cui vittoria darà un contributo determinante». L’obiettivo è quello di creare, entro il 2018, il Partito popolare europeo-italiano.

A breve, inoltre, l’Udc isontina sarà impegnata negli adempimenti interni per il rinnovo degli organismi di partito.



TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro