Quotidiani locali

La neve imbianca il Carso, disagi a raffica

Fiocchi caduti “in anticipo”. Valico di Fernetti chiuso, lavori in A4 rinviati, Delfino Verde sospeso. Roberti: «Rischio gelo»

Questa volta la neve ha preso tutti in contropiede. Che l’inverno avrebbe fatto la sua comparsa dopo settimane di clemenza era già stato annunciato nei giorni scorsi. Solo che tutti se l’aspettavano dalla serata di ieri, e invece freddo, bora e neve sono comparsi fin dalla mattina.

A trovarsi imbiancati ore prima del previsto diverse località dell’Altipiano carsico, e una spruzzata di neve ha toccato, seppur superficialmente, anche Longera e Cattinara. Un certo grado di imprevedibilità è d’altronde insito in ogni previsione. La macchina amministrativa, pur pronta all’evenienza, s’è dovuta mettere in moto con l’acceleratore: i centri di distribuzione del sale sono stati aperti anche in città, oltre che in Carso come era stato originariamente previsto.

Sulle strade i disagi più forti: nelle ore centrali del pomeriggio cinque linee bus della Trieste Trasporti non sono riuscite a raggiungere sei paesi del Carso. Scala Santa è stata chiusa temporaneamente, mentre gli abitanti di Padriciano hanno espresso la loro preoccupazione per le condizioni del manto. Il valico di Fernetti è stato chiuso verso la Slovenia; Autovie Venete ha rimandato i lavori previsti sull’A4 e il Delfino Verde è stato sospeso. Vediamo nei dettagli l’andamento della giornata.

Chiuso il confine sloveno

Al valico di Fernetti, si accennava, il traffico è andato letteralmente in tilt. In Slovenia la neve è scesa copiosa, e il confine dall’Italia è stato chiuso dalle 15.22 alle 19 provocando lunghe code che hanno intasato il tratto autostradale. I tir che si trovavano già in prossimità del valico sono stati deviati all’interno dell’Autoporto di Fernetti, costretti a una sosta forzata fino alla riapertura.

Lavori rinviati sull’A4

A causa del maltempo, Autovie Venete ha rinviato i lavori previsti nella notte tra San Giorgio di Nogaro e Latisana.

L’intervento di ripristino della pavimentazione verrà svolto la settimana prossima dalla mezzanotte di venerdì 9 alle sei di sabato 10 febbraio: stando ai piani attuali, in quella fascia oraria il tratto autostradale sarà pertanto chiuso.

Sospeso il Delfino Verde

Alle 19 di sera per le cattive condizioni meteo è stata sospesa la linea marittima del Delfino Verde fra Trieste e Muggia. «Il comandante - fanno sapere da Trieste Trasporti - ha ritenuto che non ci fossero le condizioni di sicurezza per navigare».

Linee bus interrotte

I motivi del disservizio sono presto spiegati da Trieste Trasporti. «Quando sono brevi i tratti stradali coperti dalla neve, come in questo caso, sarebbe impensabile munire di catene gli autobus. Se agissimo in questo modo, i mezzi, una volta giunti in città, rovinerebbero il manto stradale con le catene». Da qui la decisione di scegliere il male minore. Interrompendo i collegamenti verso i paesi dove ha nevicato di più fino a scioglimento della coltre.

In dettaglio: la linea 3 non ha raggiunto Conconello dalle 12.40 alle 14.15; la 39 Gropada e Banne dalle 13.25 alle 14.50; la 4 Campo Romano dalle 13.40 alle 14.20; la 42 Repen dalle 13.50 alle 15.10; la 51 Grozzana alle 14.30 e dalle 21 anche Draga Sant’Elia e Pese.

Piano distribuzione sale

L’amministrazione comunale aveva già attivato giovedì il piano dando alla popolazione la possibilità di recuperare sacchetti di sale a Opicina (nel centro di raccolta rifiuti ingombranti dell’Acegas) e nel centro civico di Prosecco. Ma il brusco calo termico registrato nella mattinata di ieri l’ha indotta ad attivare la distribuzione del sale anche in città. «Viste le condizioni meteo - fa sapere il vicesindaco Pierpaolo Roberti anche via Facebook - abbiamo dato disposizione di aprire dalle 14 alle 17 la distribuzione del sale in viale Miramare, nell’ex caserma della polizia locale; a Valmaura nella sede Ana di via dei Macelli e infine nel rione di San Giovanni alla Rotonda del Boschetto».

Nel pomeriggio la neve ha lasciato il posto alla pioggia «ma - riprende Roberti - la bora prevista nella notte aumenta il rischio della formazione di ghiaccio sulle strade. Per questo due pattuglie della polizia locale resteranno durante tutto l’orario notturno a presidiare le condizioni del manto stradale nel Carso, tenendosi in stretto contatto con Fvg Strade e Anas per evidenziare eventuali criticità di competenza di questi ultimi». Roberti descrive una situazione «rimasta sotto controllo» perché fin da giovedì i mezzi dell’Acegas sono stati attivati nelle zone del Carso. «Questa mattina (ieri, ndr)

nelle strade comunali il sale era già stato sparso e ciò ha contribuito molto alla sicurezza».

Massima prudenza

La raccomandazione viene rivolta agli automobilisti dalla polizia locale tramite la pagina Fb “Agente Gianna”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori