Quotidiani locali

Nascerà a Pianezzi il primo orto sociale dei muggesani

L’Uti giuliana ha finanziato il progetto con 300mila euro Verrà riqualificata un’area di quattro ettari ora inaccessibile

MUGGIA. In un lotto di terreno agricolo di circa 4 ettari sorgerà il nuovo orto pubblico di Muggia. “Promozione di forme di agricoltura sociale o di altre filiere di economia solidale, in raccordo con il Terzo settore”: è questo il titolo del progetto che l’Uti Giuliana ha deciso di supportare finanziando il Comune di Muggia con 300mila euro.

Entusiasta l’assessore alle Politiche sociali Luca Gandini: «Non solo andremo a riqualificare un’area verde all’interno del nostro territorio, ma la stessa potrà diventare luogo di incontro e di integrazione intergenerazionale per giovani, anziani, famiglie, disoccupati e lavoratori».

L’area protagonista di questa importante riqualificazione è un lotto di terreno di forma rettangolare in località Pianezzi, appartenente al Comune di Muggia, con destinazione urbanistica E6 - “aree agricolo produttive” di circa quattro ettari di estensione.

Le zone interessate dall’intervento risultano oggigiorno per la maggior parte inaccessibili a causa della presenza di vegetazione infestante e non sono dotate di alcun tipo di recinzione perimetrale. In tal senso il progetto, già forte di un finanziamento di 50mila euro risalenti al 2017, prevede lo sfalcio della vegetazione infestante, il taglio all’occorrenza di alberi e cespugli e la demolizione di manufatti presenti (con raccolta, trasporto e conferimento a discarica del materiale di risulta), per poi passare al ripristino e preparazione del terreno per la successiva semina e piantumazione, fino alla messa in sicurezza dei muretti di sostegno (con previsione di utilizzo del pietrame di recupero).

Il Comune dovrà inoltre attuare uno studio di fattibilità sull’individuazione dei percorsi tra i pastini, la predisposizione del terreno per la realizzazione di opere di primaria urbanizzazione, l’individuazione di zone per il posizionamento delle attrezzature (vasche di raccolta acqua, capanni per gli attrezzi, giochi, etc), la scelta delle culture da sviluppare nelle diverse zone, con la supervisione di un agronomo, nonché l’individuazione dell’area da adibire a “mercato del contadino”.

«Il progetto di Pianezzi avrà il chiaro obiettivo di promuovere l’educazione e la formazione di adulti e bambini, il rispetto per l’ambiente, la creazione e il consolidamento di legami sociali, ma sarà anche strumento di divulgazione ed informazione a tutta la popolazione ad uno stile di vita più sostenibile» precisa Gandini.

Il progetto promosso dall’Uti giuliana aveva sostanzialmente già posto le proprie basi in “Pian(ezz)i condivisi”, il ciclo di quattro incontri finalizzato alla progettazione partecipata di un orto sociale nell’area, appunto, di Pianezzi, organizzato dal Comune di Muggia in collaborazione con l’Università di Trieste – Dipartimento di Ingegneria

e architettura.

Gli incontri avevano il compito di individuare, assieme alla popolazione e ai portatori d’interesse, quale fosse la funzione e la configurazione più opportuna da dare a quest’area ora diventata protagonista del finanziamento.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro