Quotidiani locali

i divieti

Alcol e spray al bando nel Carnevale di Muggia

L’ordinanza della giunta Marzi conferma il pugno di ferro con una serie di divieti Regolamentati anche orari e musica nei locali. Bottiglie coperte sugli scaffali

MUGGIA. È stata riconfermata in toto, sulla falsariga dello scorso anno, l’ordinanza con le norme e i divieti da rispettare in occasione dell’edizione invernale del Carnevale muggesano 2018, in programma quest’anno dall’8 al 14 febbraio.

leggi anche:



I locali La prima disposizione riguarderà i locali pubblici: da giovedì 8 a martedì 13 febbraio dovranno chiudere entro le 2 del mattino e sgomberare la clientela entro le 3. Decisamente pesanti le sanzioni previste, che vanno da un minimo di 600 a un massimo di 3.500 euro. Non solo. Se gli esercenti non dovessero garantire il funzionamento dei servizi igienici potrebbero vedersi sospesa l’autorizzazione da 3 a 90 giorni. I locali dovranno inoltre mantenere pulita la zona antistante il proprio esercizio, munirsi di appositi cassonetti per i rifiuti e soprattutto – cosa che peraltro dovrà essere fatta anche dai negozi – riavvolgere dopo la chiusura le tende e gli ombrelloni che potrebbero ostacolare il passaggio dei mezzi di soccorso. Per chi sgarra è prevista una sanzione che andrà dai 50 ai 300 euro.

Gli alcolici L’altro punto saliente dell’ordinanza riguarda la somministrazione di alcolici e superalcolici, che nelle giornate di sabato 10 e martedì 13 febbraio non potranno essere venduti per asporto dai negozi di alimentari e dai pubblici esercizi dalle 14 in poi. Le bottiglie sugli scaffali andranno «spostate oppure coperte». In generale sarà vietato somministrare e consumare per strada superalcolici dalle 14 sino alle 6 del giorno successivo.

leggi anche:

Anche in questo caso, le sanzioni potranno andare dai 300 ai 3mila euro. Il 9, 10 e 13 febbraio (dalle 12 alle 6 del giorno successivo) sarà vietato, poi, farsi trovare nel centro storico e nelle zone limitrofe con contenitori di qualsiasi materiale, «indipendentemente dal contenuto». Dopo le 18 saranno consentiti soltanto bicchieri di plastica. Dalle 12 alle 19 i residenti maggiorenni potranno trasportare per uso domestico bibite analcoliche. Previste per i trasgressori sanzioni dai 50 ai 300 euro.

Il tendone Per quanto concerne il PalaCarnevale, dall’8 al 13 febbraio i pubblici esercizi attivi nella tensostruttura di piazzale ex Alto Adriatico dovranno sospendere la somministrazione entro le 4 e garantire lo sgombero entro un’ora. Previste sanzioni da 600 a 3.500 euro.

La musica L’8, il 9 e il 12 febbraio la musica «non dovrà recare disturbo alla quiete pubblica» dopo le 23.30. Nei locali pubblici sarà consentita sino alla chiusura, «a condizione che non sia udibile all’esterno o nei piani superiori dopo le 23.30». Tuttavia il 10, l’11 e il 13 febbraio l’orario sarà prorogato fino a mezzanotte e nella tensostruttura sino alle 4. Previste sanzioni da 150 a 450 euro. I “gratini” potranno circolare solo se autorizzati e in forma itinerante con sanzioni per i trasgressori da 150 a 450 euro.

Le bombolette spray Da giovedì 8 a martedì 13 febbraio sarà vietato l’uso di bombolette spray imbrattanti, di qualsiasi tipo, in tutto il territorio comunale. Per imbrattamenti si intendono anche «deiezione, vomito e altro». Previste sanzioni da 50 a 300 euro.

Le giostre L’attività sarà consentita dalle 9 alle 23 con sospensione dalle 12.30 alle 15, mentre il 9, 10 e 13 febbraio la chiusura verrà protratta sino alle 2. Nell’ordinanza si ricorda ancora che le forze dell’ordine potranno proibire l’ingresso alle zone del Carnevale a chiunque sia riconosciuto «in palese stato di alterazione alcolica o psicotropa». Sarà vietato infine entrare nelle zone del centro transennate, se non accompagnati dai frontisti o permesso.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori