Quotidiani locali

Iniziative comuni, parrocchie in rete

Palmanova: nel territorio della forania sono partite le “collaborazioni pastorali”

PALMANOVA. Nel territorio della Forania di Palmanova sono partite le “Collaborazioni pastorali”. «Si tratta – spiega mons. Angelo Del Zotto, vicario foraneo – di un progetto diocesano che si prefigge l’obiettivo di collegare più parrocchie per lavorare assieme, senza tuttavia far perdere a nessuna di esse la propria identità. Un percorso che è presente anche a un livello più ampio, su scala interforaniale, dal momento che già la Forania di Palmanova e quella di Mortegliano operano assieme all’interno della Forania del Friuli Centrale».

In ogni caso, nell’ambito della Forania di Palmanova, realtà che comprende numerose parrocchie, sono state create tre Collaborazioni pastorali: una riunisce le parrocchie di Pavia, Lauzacco, Percoto-Persereano, Risano e Lumignacco-Chiasottis, una mette in collegamento le parrocchie di Gonars, Ontagnano, Fauglis, Bicinicco, Felettis, Gris-Cuccana, Santa Maria la Longa, Mereto-Ronchiettis, Santo Stefano-Tissano e un’altra accomuna Palmanova-Sottoselva, Jalmicco, Bagnaria Arsa, Sevegliano-Privano, Trivignano-Melarolo, Clauiano-Merlana.

«Le collaborazioni sono state decise – prosegue monsignor Del Zotto – tenendo conto delle sinergie già in corso, del fatto che spesso il territorio della collaborazione è servito dallo stesso sacerdote, della storia delle singole comunità. Ad esempio, il territorio comunale di Bagnaria Arsa ha alcune parrocchie che fanno parte di due diverse organizzazioni pastorali perché così è da tempo e abbiamo ritenuto giusto mantenere, se possibile, i legami in essere».

L’istituzione delle Collaborazioni comporterà naturalmente dei cambiamenti. Nella zona di Palmanova-Trivignano-Bagnaria da alcune domeniche, ad esempio, è partito il foglietto unico, che viene distribuito la domenica nelle chiese del territorio e che contiene gli avvisi della settimana di tutte le parrocchie della zona. «Il consiglio della Collaborazione – prosegue Del Zotto – è formato per ora dalla somma dei consigli pastorali delle singole parrocchie.
I catechisti operano all’interno della propria parrocchia, ma programmano i percorsi e curano la loro formazione assieme a quelli delle altre comunità. Alcuni orari delle celebrazioni liturgiche sono stati modificati per fornire una migliore copertura su tutto il territorio».



TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori