Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

“Oltreconfine”, 17 paesi raccontano il 1918

Palmanova: presentata la terza edizione dell’evento. Giovedì 18 prenderanno il via le serate-forum

PALMANOVA. É arrivato al suo terzo anno “Oltreconfine”, il progetto culturale dedicato alla Grande Guerra. Un percorso che si propone di raccogliere le diverse memorie sui fatti accaduti cent’anni or sono in un territorio particolare, suddiviso com’era dal confine tra Regno d’Italia e Impero Austro Ungarico, di rielaborare quella memoria, per poi restituirla alla cittadinanza come memoria condivisa.

Il progetto, iniziato due anni fa, vede il coinvolgimento di 17 amministrazioni comunali, di ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PALMANOVA. É arrivato al suo terzo anno “Oltreconfine”, il progetto culturale dedicato alla Grande Guerra. Un percorso che si propone di raccogliere le diverse memorie sui fatti accaduti cent’anni or sono in un territorio particolare, suddiviso com’era dal confine tra Regno d’Italia e Impero Austro Ungarico, di rielaborare quella memoria, per poi restituirla alla cittadinanza come memoria condivisa.

Il progetto, iniziato due anni fa, vede il coinvolgimento di 17 amministrazioni comunali, di una settantina di associazioni, di centinaia di persone. Al Comune capofila Palmanova, si affiancano Aiello del Friuli, Bagnaria Arsa, Bicinicco, Campolongo Tapogliano, Castions di Strada, Chiopris Viscone, Gonars, Medea, Romans d’Isonzo, Ruda, San Vito al Torre, Santa Maria La Longa, Torviscosa, Trivignano Udinese, Villesse e Visco, intervenuti ieri, alla presentazione ufficiale della terza edizione, con i propri rappresentanti.

«Un progetto culturale notevole – ha commentato il sindaco di Palmanova, Francesco Martines - non compreso completamente, proprio nei suoi aspetti innovativi, dalla Regione e che, nonostante le poche risorse a disposizione, è riuscito a coinvolgere la società civile in un percorso storico culturale di grande significato».

Quest’anno, come spiegato dalla vicesindaco Adriana Danielis, Oltreconfine, curato dall’associazione Cikale Operose, si concentrerà sul periodo che va da Caporetto alla fine della guerra nel 1918, ma si estenderà anche a toccare gli anni immediatamente successivi. Si articolerà nelle serate forum con il coinvolgimento dei cittadini interessati, nel laboratorio teatrale e, successivamente, nella restituzione in ciascuno dei comuni coinvolti del lavoro svolto attraverso una serata-spettacolo. Infine una pubblicazione fisserà il materiale raccolto e i risultati di questi tre anni di lavoro.

«Il progetto – ha spiegato il direttore artistico Francesco Accomando - intende raccontare storie di uomini e donne, di città e paesi all’epoca della Grande Guerra. Si guarderà però anche all'oggi, nella consapevolezza di una memoria storica che cerchi di comprendere altri conflitti e altri confini, per guardare con gli occhi della storia a quei fenomeni epocali, a quelle tensioni politiche e culturali, locali, nazionali e internazionali, che si dovranno superare per arrivare a rafforzare una cultura della pace sulla strada della costruzione di una vera Europa dei popoli e dei cittadini».

La prima serata forum si terrà il 18 gennaio a Castions di Strada, al centro civico comunale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA