Quotidiani locali

CARINZIA 

Casa Glock proibita a chi indossa la pelliccia

La moglie dell’industriale d’armi “filtra” l’entrata al maneggio di famiglia per il concorso ippico

VILLACO. Ogni anno, ai primi di febbraio, si disputa in Carinzia un concorso di equitazione che richiama concorrenti da tutto il mondo. Sede della competizione è il Glock Horse Performance Center, a Treffen (periferia di Villaco), un maneggio tra i più moderni dell’Austria, di proprietà del multimilionario Gaston Glock, fabbricante di pistole che portano il suo nome e che sono tra le più diffuse nei corpi di polizia di tutto il mondo, compresa l’Fbi.

Austria, gli irriducibili della sigaretta al ristorante Heinz-Christian Strache, leader della destra populista austriaca rappresentata dall’Fpö, ha mantenuto la promessa fatta in campagna elettorale: il fumo delle sigarette non sarà più bandito da ristoranti, Gasthäuser, bar e altri pubblici esercizi (a cura di Damiano Mari). L'articolo


La competizione di quest’anno presenta una novità, che non riguarda i cavalli e i cavalieri ma gli ospiti: non saranno ammesse le donne in pelliccia. Lo ha deciso la signora Kathrin Glock, più giovane di 51 anni del marito Gaston, che ne ha 88, sposata in seconde nozze nel 2011. Frau Kathrin è un’amica degli animali. Per questo ha deciso in loro difesa di non ammettere in casa sua ospiti impellicciate. All’ingresso dell’impianto di Treffen ha esposto un pannello su cui si legge: «Sensibilità, riguardo e rispetto. La famiglia Gaston e Kathrin Glock è da anni legata alla protezione degli animali, con grande impegno e passione. Ogni vita animale è unica, preziosa e di valore e perciò va protetta senza condizioni». La conclusione è evidenziata in grassetto: «Per questa ragione possiamo permettervi di entrare soltanto se non indossate alcuna pelliccia».

leggi anche:



Il pannello era passato inosservato finché non se n’è accorta un’animalista di Arriach (non molto distante da Treffen), Rita Gollner, che ne ha pubblicato una foto sulla sua pagina di Facebook, esprimendo «rispetto e stima» nei confronti del fabbricante di pistole e della moglie, perché «l’amore per gli animali – ha postato – è credibile soltanto se viene praticato e non solo annunciato».

Il messaggio di Gollner ha avuto un effetto virale, con 1348 condivisioni (fino a ieri sera) e migliaia di commenti. Molti quelli positivi, ma molti anche non privi di sarcasmo. C’è chi si è chiesto, per esempio, se gli stivali e le selle ammesse alla competizione siano di plastica, anziché di cuoio e se il buffet sarà vegano o quantomeno vegetariano.

leggi anche:

Ma ha sorpreso soprattutto che tanta attenzione per la vita animale sia stata espressa da un fabbricante di armi. Glock – forse non tutti lo sanno – è austriaco e produce le sue pistole a Deutsch-Wagram, vicino a Vienna, e a Ferlach in Carinzia. Il suo patrimonio era stato stimato nel 2016 in 1,65 miliardi di euro.

 

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik