Quotidiani locali

Il Gfi vicino a chi è “fuoristrada”

Nel corso del 2017 il Gruppo Alpe Adria 4x4 Off road ha avviato tre raccolte fondi

GRADISCA. Non solo fuoristrada inteso come sport e divertimento, ma anche momenti di solidarietà verso situazioni difficili e bisognose. Nell’anno ormai al termine, il Gruppo fuoristradistico Isontino “Alpe Adria off-road” (che ha sede a Gradisca d’Isonzo ma soci sparsi in tutta la Mitteleuropa) ha intrapreso tre percorsi a cui indirizzare un po’ d’aiuto e di speranza. Si è rinnovata la raccolta di fondi per finanziare opere in terra d’Africa dove opera il Centro Missionario Diocesano di Gorizia e dove ci sono tanti bambini in condizioni di vita molto difficili e tormentate. Poi il Gfi si è impegnato a sostenere il “Centro Interdipartimentale Cellule Staminali e Medicina Rigenerativa” di Modena per la ricerca scientifica sull’Epidermolisi Bollosa, una tremenda e rara malattia di cui è affetta una bambina goriziana. Il caso ricorda, anche se diversa nella tipologia, un’altra grave malattia che, lo scorso anno, aveva portato via Elisa, una giovane socia del club, alla quale è stato dedicato questo gesto di solidarietà.

Infine, il club fuoristradistico isontino ha fatto una donazione ad una onlus di Norcia impegnata nella costruzione di una struttura antisismica dove gli abitanti possano ripararsi in caso di nuove scosse telluriche. La struttura, in ogni caso, non ha un fine esclusivo e potrà, anzi, essere utilizzata nell’arco di tutto l’anno come centro sociale. La scelta di Norcia, nella quale il 74% degli edifici risultano distrutti o inagibili dopo il terremoto, rappresenta per il Gfi un momento molto importante del proprio impegno fuoristradistico avendo organizzato nel 2012, proprio nel centro umbro, un’importante manifestazione con le 4x4 parcheggiate in quella piazza centrale andata poi in gran parte distrutta per il terremoto.

In quell’occasione la comunità di Norcia era stata molto disponibile nei confronti del Gruppo fuoristradistico isontino e il Gfi non ha voluto dimenticare ospitalità ricevuta allora.

Con l’occasione, il Gfi “Alpe Adria off-road” rivolge un sentito ringraziamento
a quanti, tra privati ed enti pubblici, consentono la realizzazione delle manifestazioni fuoristrada 4x4 che hanno come finalità, non solo lo sport, il divertimento ed un conseguente indotto turistico, ma anche quella della solidarietà nei confronti di chi ha bisogno. (l.m)

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon