Quotidiani locali

Medea, dolegna e cormons nel distretto Judrio-Versa 

Protezione civile, via libera alla squadre intercomunali

MEDEA. Via libera del Consiglio comunale di Medea alla costituzione dell’associazione per le attività di protezione civile con i Comuni di Dolegna del Collio e Cormons e al piano delle emergenze di...

MEDEA. Via libera del Consiglio comunale di Medea alla costituzione dell’associazione per le attività di protezione civile con i Comuni di Dolegna del Collio e Cormons e al piano delle emergenze di protezione civile con l’individuazione delle zone d’emergenza.

L’associazione tra le squadre delle protezioni civili di Medea, di Dolegna del Collio e Cormons, denominata “Distretto Judrio-Versa” ,avrà come scopo principale l’attività di prevenzione, soccorso e ripristino di situazioni calamitose interessanti il territorio dei Comuni associati e la condivisione delle attrezzature. Resta garantita l’autonomia dei singoli gruppi di protezione civile.

Il sindaco di Medea, Igor Godeas, ha sottolineato che fino ad oggi Medea non era iscritta ad alcun distretto. Una situazione simile riguardava anche i Comuni di Cormons e di Dolegna. Ci sono stati incontri con i sindaci per avviare un percorso comune che ha dato risultati positivi.

Ora dovrà essere approvata un’apposita convenzione disciplinante l’organizzazione, il funzionamento di tale distretto e l’individuazione del Comune capofila e del coordinatore del distretto.

Nel corso della seduta è stato anche approvato all’unanimità il Piano comunale delle emergenze, importante strumento operativo predisposto per gestire le situazioni di calamità. Il Piano di emergenza riguarda l’insieme delle procedure operative di intervento da attuare per fronteggiare le situazioni critiche che possono accadere e che nel territorio di Medea chiamano in causa soprattutto l’eventualità di un terremoto, di un’alluvione, dell’esondazione dei torrenti Versa e Judrio e di incendi.

Sono stati individuati alcuni punti di raccolta destinati ad accogliere la popolazione: parcheggio del cimitero, area verde del municipio, parcheggio di via 3 Aprile, area verde e parcheggio di via Castelculier, lo slargo che c’è alla fine di via Zorutti.

È un piano dinamico e non statico che può essere rivisto e aggiornato nel tempo, a seconda delle esigenze delle nuove problematiche dovessero essere
individuate, ma che fin da subito costituisce una valida base sulla quale lavorare.

Un piano che verrà fatto conoscere alla cittadinanza nelle sue linee essenziali e soprattutto per quello che riguarda i punti di raccolta in caso di emergenze.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon