Quotidiani locali

delitto/ la moglie

Trieste, «Non ho udito nulla. Lo cercavo in casa»

Il dolore di Zdenka: «Mio marito era una persona buona Non so come sia potuto accadere tutto ciò. Sono distrutta» 

Trieste, omicidio durante la rapina: il punto Un uomo di 75 anni trovato riverso nel giardino dell'abitazione, alla periferia Est della frazione carsica di Trieste. L'incursione dei ladri nella notte fra martedì e mercoledì 19-20 dicembre. Ferita la madre 94enne. L'articolo

TRIESTE. Dice di non essersi accorta di nulla. Di non aver sentito trambusto, urla o altro. «Niente, proprio niente» mormora, scuotendo la testa, con lo sguardo smarrito. Trema, la signora Zdenka Poh. Trema per lo choc del marito ucciso e per il freddo che lì, a Opicina, ieri pungeva come un ago. La donna, che ieri ha trascorso quasi l’intera giornata a parlare con gli investigatori e con gli agenti in divisa, in balcone e in giardino, ha sessantadue anni.

Zdenka, con addosso soltanto un maglioncino in pile rosso, non riesce a credere che una tragedia del genere sia accaduta ad Aldo, suo marito. In casa sua. «Non so cosa dire, non capisco, non ho la forza. Sono distrutta. Sono davvero distrutta».

Omicidio in villa durante una rapina a Trieste Nel video girato da Andrea Lasorte, inquirenti, polizia scientifica e testimoni davanti alla villetta di via del Refosco, a Opicina, periferia di Trieste, dove un uomo di 75 anni, Aldo Carli, è stato ucciso probabilmente nel corso di una rapina. Ferita e sotto choc l'anziana madre, 94 anni. LEGGI L'ARTICOLO: Trieste, ucciso durante una rapina in villa


leggi anche:

Rapina Opicina

Gioielliere ucciso durante la rapina in villa VIDEO E FOTO

Aldo Carli, 75 anni, trovato riverso nel giardino dell'abitazione, alla periferia Est della frazione carsica di Trieste. L'incursione dei ladri nella notte fra martedì e mercoledì 19-20 dicembre. Ferita la mamma 94enne: si sarebbe trattato di un episodio brutale


È stato un operaio del cantiere accanto all’abitazione della famiglia Carli ad accorgersi della salma in giardino. Erano da poco passate le otto. È stato lui ad aver dato l’allarme che ha fatto scattare tutto. Lei, Zdenka, era al piano sopra, ignara di quello che era accaduto. «Avevo cercato mio marito in casa. Poi è venuto quell’uomo della ditta che fa i lavori nel terreno vicino a dirmi “guarda che là c’è un corpo”. Così ho saputo, proprio così» racconta la donna. Si ferma per qualche secondo e cerca di trattenere le lacrime. Ecco una delle figlie, lì a sostenerla e a farle coraggio. «Noi eravamo una bella famiglia - riprende la vedova -, una bella famiglia con due figlie. Aldo era una persona buona, era in pensione».

La moglie di Aldo Carli, con la...
La moglie di Aldo Carli, con la maglia rossa, a colloquio con gli agenti


La sessantaduenne ricorda il marito con gli occhi lucidi. «Ha fatto il commerciante per tanti anni. Non so come sia potuta succedere una cosa del genere». La vittima era un ex gioielliere e la famiglia, in passato, aveva già subìto furti, sia in casa che nel negozio. «Questa è sempre stata una zona abbastanza tranquilla - spiega la signora Zdenka - anche se abbiamo già avuto “ospiti” qui, siamo già stati derubati».

Ma i due coniugi, nonostante ciò, non hanno mai pensato di installare telecamere nella villa. «Sì, ci avevano consigliato di mettere un sistema di vigilanza anche quando avevamo il negozio, ma - riflette ancora la donna - poi si è verificato il furto. Gli allarmi non sono serviti, tutt’altro». Poche parole, quelle della moglie. Rotte dal pianto e dalla rabbia. Dopo qualche minuto i parenti la fanno rientrare in casa.
 

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro