Quotidiani locali

istria

Turismo, investimenti record nel 2018 un miliardo di euro

Il dato stimato dal ministero croato: i due terzi della somma stanziati dai privati per costruzione o ristrutturazione di alberghi di fascia medio-alta

FIUME. In base alla rilevazione condotta dal ministero del Turismo, l'anno prossimo nel settore ricettivo croato sono attesi investimenti per un valore che si aggira intorno ai 940 milioni di euro. Un dato che conferma peraltro quanto pubblicato di recente dal Financial Times, che ha rimarcato come la Croazia sia al settimo posto nel mondo per investimenti turistici in una rosa di 43 Paesi di tutti continenti.

Del totale degli investimenti previsti, circa 630 milioni riguarderanno il comparto privato, il resto della cifra sarà appannaggio di quello pubblico, che provvederà a realizzare centri per visitatori e musei e impiegherà risorse per la risistemazione di spiagge e lungomare. «Gli operatori turistici – ha commentato il ministro del Turismo, il lussignano Gari Cappelli – hanno capito da tempo che gli investimenti turistici, anche corposi, sono convenienti. Rispetto a quest'anno, gli stanziamenti 2018 saranno maggiorati del 15%, mentre il confronto con il 2016 vedrà un aumento degli investimenti pari al 40%. Le spese più rilevanti saranno concentrate negli alberghi di media e alta categoria e nell'arricchimento delle offerte nei campeggi».

Gari Cappelli
Gari Cappelli


Due gli investimenti più corposi lungo le coste croate. Sono 132 i milioni di euro che saranno impiegati per la costruzione di un villaggio turistico nell'insenatura di Brizenica, sull'isola di Lesina, con fondi sborsati dalla banca Arqaam Capital e dalla compagnia alberghiera Four seasons Hotels and Resorts. Da citare poi i 120 milioni necessari per la ricostruzione dell'hotel Belvedere a Ragusa (Dubrovnik). Sul podio degli investimenti si trovano ancora i 71 milioni e mezzo di euro che l'azienda Maistra si è impegnata a investire per l’albergo 5 stelle Park a Rovigno. Restando nella città di Sant'Eufemia, va registrato l'ampliamento e ammodernamento del marina dell'Aci, i cui lavori che verranno a costare oltre 21 milioni di euro. Il porticciolo potrà ospitare fino a 196 imbarcazioni di lunghezza media pari a 17 metri contro gli 11 precedenti.

Per migliorare l'offerta nei marina di Abbazia, Cherso, Arbe e San Pietro in Draga (Arbe), l'abbaziana Aci sborserà all’incirca 570 mila euro.

Una veduta di Lesina
Una veduta di Lesina


In campo anche la Jadranka Lussino. Il Vitality Hotel Punta a Lussingrande sarà l'anno prossimo arricchito di ulteriori 75 posti letto, con un esborso di circa 9 milioni di euro. L'ex edificio della Croce Rossa a Lussingrande sarà trasformato - sempre l’anno prossimo - in albergo per i lavoratori stagionali della Jadranka, con un progetto che non ha eguali nel Quarnero e nel resto della Croazia. Una sistemazione necessaria considerato che gli occupati alla Jadranka durante la stagione tusitica ammontano a 1.300, un buon numero dei quali arriva dalle regioni continentali del Paese.

Ritocchi per aumentare la qualità dei servizi riguarderanno i campeggi di Cigale, Baldarin e Slatina, a Lussino. Esborsi previsti anche da parte dell’Imperial di Arbe, la cui direzione ha annunciato investimenti per un valore di 9,5 milioni di euro. I cantieri per il miglioramento delle strutture riguarderanno innanzitutto il Grand Hotel Imperial, che dal 2018 muterà il proprio nome in Adults only hotel. Numerosi gli interventi previsti anche ad Abbazia.
 

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro