Quotidiani locali

COLLIO e Brda 

Per la candidatura Unesco 60mila euro dalla Regione

CORMONS. La Regione finanzia con 60mila euro il progetto di candidatura Unesco Collio/Brda. A volere l’impegno di questa cifra da parte dell’amministrazione è stato l’assessore regionale alle Risorse...

CORMONS. La Regione finanzia con 60mila euro il progetto di candidatura Unesco Collio/Brda. A volere l’impegno di questa cifra da parte dell’amministrazione è stato l’assessore regionale alle Risorse agricole e forestali Cristiano Shaurli: il totale sarà equamente diviso in due tranche, 30mila euro per il 2018 e altrettanti per il 2019. Intanto, anche il Comune di Cormons, capofila dell’iniziativa che coinvolge tutte le municipalità del territorio-Collio, ha stanziato circa metà dei 10mila euro messi a disposizione dalla stessa Regione nei mesi scorsi utilizzandoli per la redazione del dossier che verrà utilizzato per accedere alla Tentative List.

«La Regione crede in questa candidatura forte che potrà valorizzare l’intero territorio del Collio – afferma l’assessore Shaurli – e che al di là di appartenenze politiche e campanili ha saputo progettare e proporsi unito, oltre ad essere coraggioso e lungimirante con un’idea di valorizzazione e tutela transnazionale che fino a pochi anni fa sarebbe sembrata impossibile. La Regione ha fatto e continuerà a fare la sua parte, cogliendo proprio la forza di questa proposta, oggi con questo sostegno economico ma ritengo già con la doverosa interlocuzione con la Slovenia e con il supporto al grande lavoro svolto già da tempo dalle amministrazioni locali del territorio». Anche questa nuovo finanziamento da 60mila euro verrà affidato al Comune di Cormons, capofila insieme a Dolegna di un progetto che coinvolge Gorizia, San Floriano, Mossa, Capriva, San Lorenzo, Farra , il comune sloveno di Brda, la Fondazione Carigo, il Consorzio Collio, la Camera di Commercio e la stessa Regione .

Attualmente i Comuni stanno lavorando oltre che alla redazione del dossier per accedere alla Tentative List, anche alla creazione dell’Associazione temporanea di scopo che dovrà gestire i fondi pubblici. Una prima parte di finanziamenti è stata utilizzata per le parcelle dei professionisti materialmente incaricati della redazione del dossier: 2.120 euro saranno corrisposti all’architetto Franco Bocchieri, 620 euro al professor Francesco Marangon, 700 euro all’agronomo Claudio Fabbro il quale si occuperà di “morfologia del paesaggio rurale agricolo e vitivinicolo”, 489.60 euro a Stefano Cosma che approfondirà gli aspetti relativi al “completamento della documentazione
per gli ambiti legati alla dinamiche storico evolutive e culturali della società rurale transfrontaliera”, mentre 800 euro saranno destinati all’architetto Alessandra Monorchio per quanto concerne la progettazione grafica del dossier stesso.

©RIPRODUZIONE RISERVATA



TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon