Quotidiani locali

topi d'appartamento

Furti nelle case a Gorizia, l’appello del questore

Scattata l’ora legale, viene buio prima e crescono i reati. Pillinini: «Serve più attenzione. Basta tenere gioielli nei cassetti»

GORIZIA Scatta l’ora legale, viene buio prima e c’è una recrudescenza dei furti in casa. Capita ogni anno. Sta capitando anche quest’anno. Molte case rimangono disabitate a causa degli impegni lavorativi degli inquilini e così i malviventi hanno buon gioco nel selezionare le “prede”, con il favore delle tenebre.

leggi anche:

polizia

Furti a Gorizia, “ripulite” due abitazioni

I ladri sono entrati in azione all’imbrunire e hanno approfittato dell’assenza degli inquilini in viale XX Settembre. Spariti contanti e monili in oro. Indagini delle forze dell’ordine



Ieri, abbiamo dato conto di due furti-fotocopia in viale XX Settembre, a Gorizia. Nei giorni scorsi, i malviventi avevano ripulito alcune abitazioni fra Cormòns e San Giovanni al Natisone agendo sempre all’imbrunire. 
Il questore Lorenzo Pillinini non nasconde che il problema esiste. E rivolge un appello forte e chiaro ai cittadini: piccoli consigli che diventano preziosissimi, soprattutto in questo periodo dell’anno.

Parola al questore

«Ormai sta diventando un’evidenza statistica. Ci sono almeno due concomitanze: l’arrivo dell’ora legale e lo svolgimento delle fiere. Sia chiaro: non sto dicendo che gli autori dei furti sono i giostrai. Sto solo evidenziando che le fiere portano più gente in città. E non tutti sono gentiluomini», il ragionamento del questore.

Che aggiunge: «I tempi sono cambiati. Non si può più pensare di lasciare monili e gioielli nei cassetti del comodino in camera da letto, sotto il materasso o nelle scatole delle scarpe. Ormai, i ladri conoscono perfettamente le abitudini e vanno a colpo sicuro».

leggi anche:


Pertanto, bisogna almeno tentare di complicare la vita a questi signori. Come? «Affidandosi a un impianto di allarme e installando una piccola cassaforte in una posizione nascosta. Quest’ultima costa pochissimo ma può essere fondamentale e decisiva perché i ladri devono agire in fretta. Tutti i furti, da queste parti, sono “grampa e scampa” ed è logico che se un malvivente deve perdere tempo per trovare il bottino, lo si mette già in grande difficoltà».

Pillinini evidenzia anche che «non si può pensare di militarizzare Gorizia. I controlli ci sono ma, ripeto, è inimmaginabile che ci siano tanti agenti a disposizione per sorvegliare ogni metro quadrato della città e della provincia. È necessario che le famiglie prendano qualche contromisura e siano un pò più prudenti. Ripeto: i tempi sono cambiati. Altro consiglio? Non tenete tutti i preziosi nello stesso cassetto o nello stesso contenitore. Ripartite un pò qua, un pò là tutti gli oggetti di un certo valore di cui siete proprietari».

Nei recenti incontri organizzati (in questo caso) dai carabinieri, era emersa anche l’importanza di illuminare tutte le aree esterne della propria abitazione. Perché la luce (oltreché il tempo ridotto a disposizione) è l’altro nemico dei topi di appartamento. Più fa buio, e meglio è. Per loro. E così, è meglio lasciare acceso un lampione o uno o più punti luce.

Il modus operandi

Alla fine, i topi d’appartamento non stanno “inventando” nulla di nuovo, tranne qualche eccezione. La tecnica è sempre stata la stessa: aspettare che il proprietario abbandoni la casa per entrare nell’appartamento e fare razzia di preziosi e gioielli. Il tutto in pochissimi minuti. Quasi sempre si utilizza un banale cacciavite per forzare una porta, magari sul retro. Oppure viene praticato un forellino sul telaio della finestra: in questa maniera aprirla si trasforma in un gioco da ragazzi.

I ladri, poi, tendono a preferire le case isolate. Confinanti, possibilmente, con un prato che costituisce un’ottima via di fuga. Per questo, i topi d’appartamento sembrano prediligere le abitazioni dei paesi che rispondono, in molti casi, proprio a queste caratteristiche: più difficile, invece, è colpire in un condominio o in un edificio sito in centro-città dove c’è maggiore movimento e si corre il rischio di venire scoperti. Ma, anche questa, è solo teoria.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro