Quotidiani locali

Più alberi e meno traffico Rinasce viale Serenissima

Via al restyling “sostenibile” della prospettiva di Ronchi progettata da Max Fabiani La chiusura degli interventi, che costeranno 250mila euro, è prevista entro l’estate

RONCHI DEI LEGIONARI. Sono pronti a partire, affidati alla ditta Adriacos di Latisana, per una spesa di 250mila euro, i lavori di riqualificazione dello storico viale della Serenissima a Ronchi dei Legionari.

Gli interventi, suddivisi in cinque lotti funzionali che saranno conclusi entro l’estate, hanno come obiettivo principale quello di valorizzare le imponenti alberature presenti sul lato destro della carreggiata, per chi proviene da largo Petrarca, messe a dimora oltre 150 anni fa, che sono disposte a doppio filare sulla pavimentazione, per lo più in asfalto, aspetto, questo, che ha finito con il provocare parecchi danni alle piante. Lo scopo parallelo è ovviamente di riconfigurare gli spazi da destinare alla mobilità delle persone, riducendo, per quanto possibile, gli spazi dedicati ai veicoli. Oggi come oggi, va ricordato, la sosta avviene tra le aree di risulta delle alberature che, con le loro radici, hanno sollevato la pavimentazione che a sua volta, con un intervento effettuato parecchi anni fa, è stata realizzata sino a comprimere il fusto degli alberi.

Il progetto, realizzato dallo studio triestino Stradivarie, prevede una riconfigurazione della sede stradale e degli spazi pedonali adiacenti. Verrà così creata un’aiuola di dimensioni adeguate e destinata proprio alle alberature di platani ed ippocastani. L’ambito pedonale verrà quindi ampliato e riqualificato attraverso la realizzazione di una pavimentazione in calcestruzzo armato con spolvero al quarzo. Il tratto terminale di viale della Serenissima, ovvero quello di piazzale Donatori di Sangue, verrà ridisegnato attraverso la configurazione di una piccola piazza, dove verrà collocata una panca lineare con illuminazione a led ed una fontana, mentre la pavimentazione sarà arricchita da corpi illuminanti ad incasso che segnaleranno anche la fermata del traporto pubblico locale.

L’area di intervento si estende complessivamente su una superficie totale di 6451 metri quadrati. Il primo lotto, quello che scatterà nelle prossime settimane, riguarda proprio la zona all’imbocco del vialetto che porta alla stazione ferroviaria Nord e sula quale si interverrà anche per il superamento delle barriere archittettoniche. «Il nostro obiettivo – spiega il sindaco, Livio Vecchiet – è proprio quello della riqualificazione di quest’importante asse di penetrazione che collega il centro città alla stazione ferroviaria. Le potenzialità di questo tracciato sono date principalmente dalla presenza di alberature di dimensioni monumentali che però, ad oggi, non sono minimamente valorizzate. Ed anche nel caso di questo storico viale vogliamo favorire la mobilità e la socializzazione delle persone attraverso la riscoperta del nostro territorio».

Trattandosi di alberature di alto fusto che presentano un diametro di oltre 150 centimetri, l’apparato radicale che si è sviluppato ha fortemente compromessola la stessa pavimentazione in asfalto della carreggiata e degli spazi pedonali, non essendo presente un’aiuola su cui l’albero possa trovare aria e nutrimento adeguati. Questo intervento, quindi, porrà fine a questa lunga anomalia. Ed è prevista, nei cinque lotti, anche la nuova illuminazione della zona. Viale della Serenissima e poi viale Garibaldi, sono due arterie che si estendono sino ai piedi del Carso, disegnate e progettate alla fine del 1800 dal famoso architetto Max Fabiani, caratterizzando in maniera simbolica ed unica il paesaggio della bisiacaria.

Un lungo polmone verde che, però, non è mai stato valorizzato e che, anzi, ha subito nel corso degli anni attacchi gravissimi, come per l’appunto l’asfaltatura sino a ridosso dei tronchi o la realizzazione di parcheggi tra albero ed albero. Negli ultimi anni, poi, ben 43 ippocastani abbattuti non sono mai stati sostituiti. Già nel novembre del 2013, va ancora ricordato, era
stata adottata una modifica al programma annuale 2014 dei lavori pubblici e a quello triennale 2013-2015, finalizzata proprio all’inserimento della riqualificazione del viale che si sviluppa tra largo Petrarca e piazzale Donatori di Sangue.

@luca_perrino. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon