Quotidiani locali

Nuovi spogliatoi allo stadio di Ronchi

Affidato l’appalto da 300mila euro e quattro mesi di lavori, primo passo di un restyling dell’impianto di poco inferiore al milione

RONCHI DEI LEGIONARI. Via libera, a Ronchi dei Legionari, a un’altra importante opera pubblica nel settore dell’impiantistica sportiva. È stato affidato nei giorni scorsi - alla ditta Cella Costruzioni di Flaibano, una delle 15 che avevano preso parte alla gara indetta dall’amministrazione comunale - l’appalto per la realizzazione dei nuovi spogliatoi allo stadio comunale Alfredo Lucca. I lavori saranno realizzati sulla base del progetto esecutivo approvato lo scorso ottobre e redatto dall’ingegner Claudio Simeon.

Si tratta di un intervento da 300mila euro con il quale, nei prossimi mesi, si interverrà appunto sul fabbricato degli spogliatoi dell’impianto di via dell’Aeroporto, a favore quindi di una struttura costruita a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta, che richiede un radicale restyling.

Oltre al rifacimento degli spogliatoi, che saranno adeguati alla nuove normative strutturali, sportive, igienico-sanitarie e antincendio, si lavorerà poi anche all’esterno della struttura, rendendo la zona più bella ed elegante di quanto non sia allo stato attuale.

Il lotto fa parte di una serie più vasta di interventi relativi allo stadio, che comporteranno una spesa complessiva di 870mila euro, spesa sostenuta da un contributo ventennale stanziato dall’ormai soppressa Provincia di Gorizia nel 2010 pari a 652.500 euro, il 75% dell’investimento complessivo. I lavori, che inizieranno entro l’anno e si svilupperanno per 120 giorni totali, riguardano, nello specifico, la realizzazione dei nuovi spogliatoi che avranno anche spazi ripostiglio, una nuova centrale termica e ulteriori spazi per gli arbitri divisi tra uomini e donne. Non saranno, per il momento, ristrutturati i vecchi spogliatoi che si trovano sotto le tribune, lavori, questi, che partiranno presumibilmente in estate.

Quanto allo stadio Lucca, nel medio e lungo termine l’obiettivo è quello di avviarne la messa a norma nell’ambito di un disegno più ampio di potenziamento di tutta l’area sportiva cittadina. «È una questione, quella che, oggi, possiamo finalmente concretizzare – spiega il sindaco Livio Vecchiet – che risale a ben sette anni fa e che adesso riesce ad avere attuazione. Facciamo le cose per gradi, tenendo conto delle disponibilità finanziarie e dei programmi che ci siamo dati. Certo è che offriamo grande attenzione, come sempre è stato fatto, all’impiantistica sportiva. Siamo intervenuti e interverremo ancora a favore di tutte le discipline sportive, come già avvenuto». Proprio in queste settimane nuovi interventi riguarderanno le strutture ricettive dello stadio di baseball dedicato a Enrico Gaspardis.

Il 31 gennaio del 1980 l’allora assessore alle Attività sportive Enzo Novelli propose di intitolare lo stadio comunale alla memoria di Alfredo Lucca, giocatore nato a Ronchi dei Legionari nel 1929. Nel 1952, a soli 23 anni, durante la partita Sant’Anna - San Canzian, squadra alla quale era stato ceduto, rimase vittima di un incidente di gioco, un calcio alla fronte, e dopo alcuni giorni di ricovero ospedaliero perse la vita. L’As Ronchi calcio vi opera da sempre, dalla sua costituzione avvenuta nel 1945. Allora al Comitato di liberazione installato nel Municipio
era stato chiesto un aiuto per la sistemazione del campo da gioco del foro boario. Il terreno, nel periodo bellico, era stato spianato dalle ruspe del 33.mo reggimento inglese, in quel periodo di stanza proprio a Ronchi dei Legionari.

@luca_perrino. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon