Quotidiani locali

l'itinerario

“Laguna in tecja”: con capitan Nico tra canali e casoni

Questa stagione ancora ci regala qualche bella giornata soleggiata e tiepida. Sono le occasioni ideali per imbarcarsi sul battello Santa Maria, guidato dal simpatico capitan Nico

Questa stagione ancora ci regala qualche bella giornata soleggiata e tiepida. Sono le occasioni ideali per imbarcarsi sul battello Santa Maria, guidato dal simpatico capitan Nico, e scoprire il suo bagaglio di storie e memorie del territorio. Si salpa alla volta degli specchi d’acqua lagunari, per addentrarsi nel misterioso intrico di canali e rii, di acque dolci e salate, di canneti e casoni che costituiscono l'essenza del magico ambiente acquatico che circonda la cittadina di Marano Lagunare. All'insegna della cultura locale, della natura e dell'enogastronomia.

D'autunno la laguna della Bassa Friulana riserva colori e paesaggi estremamente suggestivi. E diventa anche un habitat ideale per gli uccelli migratori provenienti dal Nord Europa, navigando di giorno si può quindi avere l'opportunità di vederne alcuni perché si passa proprio all’interno dei Parchi naturali regionali.

La gita in barcone in questi affascinanti ambienti umidi, fra i più conosciuti e apprezzati d’Italia, è un grande classico e viene riproposta in diversi momenti dell'anno, con focus e attività diverse. In queste settimane le iniziative in calendario vanno sotto l'ormai collaudato nome di “Laguna in tecja” e i temi che si approfondiscono riguardano appunto la cucina del territorio. La tecja, ovvero la pentola, è il filo conduttore che caratterizza appunto le crociere del gusto in corso fino al 17 dicembre, tutti i sabati e le domeniche, con gite pensate per unire l'esperienza della navigazione ai racconti della tradizione lagunare e i sapori del pesce fresco e della selvaggina a chilometro zero.

Le iniziative si ripetono tutti i fine settimana, con gite serali il sabato (dalle ore 19 alle 23) e diurne la domenica (dalle ore 10.30 alle 16), sempre con partenza da Marano Lagunare. Si sciolgono gli ormeggi dalla Vecchia Pescheria, per salpare alla volta della Litoranea Veneta e ammirare da vicino i casoni, le antiche abitazioni dei pescatori della laguna.

Durante il tragitto è offerto a bordo un aperitivo di benvenuto mentre al punto di ormeggio, generalmente il luogo di cattura del pesce a cui è dedicata la giornata, sono serviti il pranzo o la cena, dagli antipasti al dolce, a base di pietanze locali. Dopo essersi deliziati il palato e la vista si torna al luogo di partenza della crociera, sempre navigando fra i canali della laguna, accompagnati da musica e canti spontanei. Naturalmente, vale la pena anche fare una bella passeggiata per visitare Marano, una piccolissima Venezia in miniatura che ha anche un Museo Archeologico della Laguna.

Il centro storico è piccolino e si esplorano agilmente la sua piazza, le calli, i campielli e la Torre Millenaria. La cittadina è abitata da un'attiva comunità di pescatori, che conserva ancora un forte legame con la cultura e la tradizione marinara veneta.


 

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro