Quotidiani locali

Anziana salva dopo una notte all’addiaccio

Ottantaquattrenne di San Floriano scomparsa da casa rintracciata in una vigna dai vigili del fuoco. In ospedale per accertamenti

SAN FLORIANO. La scomparsa da casa di un’anziana di San Floriano del Collio ha destato la scorsa notte angoscia e apprensione nel centro collinare. Questa volta la storia si è risolta con il lieto fine, ma a causa delle temperature rigide della notte, la protagonista - una donna di 84 anni di cui non sono note le generalità -, ha rischiato di morire per assideramento. A trovarla nel cuore della notte mentre vagava lungo un sentiero non troppo lontano da casa sua sono stati i vigili del fuoco. Una volta soccorsa, l’anziana è stata accompagnata in via precauzionale all’ospedale civile di Gorizia dal personale sanitario del 118 .

L’allarme era scattato già nel pomeriggio. Ad allertare la locale stazione dei carabinieri erano stati i figli della donna. Si erano preoccupati perché non avevano trovato in casa la madre. Nonostante l’età avanzata, da quanto è stato riferito, la donna vive da sola ed è autosufficiente. Il suo allontanamento è risultato però insolito e ha insospettito i familiari anche perché la donna era uscita in ciabatte; ciabatte che nel suo girovagare senza una precisa meta ha perse, rimanendo a piedi scalzi.

Con il passare delle ore, alle ricerche dei carabinieri si sono aggiunte a mezzanotte quattro squadre dei vigili del fuoco. Oltre a quelle di Gorizia, sono arrivate a San Floriano del Collio quelle di Monfalcone e dell’aeroporto di Ronchi dei Legionari. In caso di necessità, il sindaco del paese collinare, Franca Padovan, ieri mattina avrebbe attivato anche la squadra comunale di Protezione civile. Non ce ne è stato per fortuna bisogno. Intorno alle 4 del mattino il personale dei vigili del fuoco è riuscito ad intercettare l’anziana in un sentiero tra le vigne di località Bucuie.

La donna era disorientata ma sembrava essere in buone condizioni di salute. Nonostante questo, come riferito dai carabinieri del comando provinciale di Gorizia, è stata accompagnata per dei controlli all’ospedale di via Fatebenefratelli
dove è stata tenuta in osservazione.

A rendere difficili le ricerche è stata la scarsa illuminazione. Al di là di quella pubblica, anche quella naturale della luna era pressoché nulla dal momento che è appena iniziata la fase crescente.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro