Quotidiani locali

Staranzano

La Cuccia prende forma con le casette

Nella frazione di Dobbia, spazio della nuova oasi per cani e gatti, arrivati i prefabbricati dei servizi. A novembre attesi i box

STARANZANO. «È un sogno che diventa realtà». La presidente de La Cuccia non nasconde la sua emozione all’indomani del montaggio delle prime strutture della nuova sede dell’associazione degli amici degli animali nata a Monfalcone e che opera sul territorio da oltre trent’anni. La Nuova “casa” de La Cuccia sta prendendo davvero forma ora nella frazione di Dobbia che confina con la rotatoria della bretella Ronchi-Villa Luisa, adiacente all’impianto di sollevamento del Consorzio di bonifica. A novembre dovrebbero arrivare come primi ospiti delle strutture alcuni gatti, ancora accolti in precario, anche se ormai da qualche anno, nei recinti e nei container collocati nell’area dell’Idrovora Sacchetti, messa a disposizione con generosità dallo stesso Consorzio di bonifica.


La struttura di Dobbia sarà a disposizione non solo per Staranzano, ma per tutto il mandamento monfalconese. Da qualche giorno la ditta Prefab di San Polo di Piave (Treviso) sta montando l’edificio dei servizi (per ospiti e personale), con presidio medico chirurgico e uffici. È lungo 24 metri, largo 6 ed ha una superficie di circa 150 metri quadri. È una sorta di centro operativo di tutta La Cuccia, un monoblocco costituito da un solo piano fuori terra e da una copertura a due falde inclinate adatte a ospitare pannelli solari e fotovoltaici. L’architetto progettista, Michele Morra, conferma che tutto procede secondo i tempi prestabiliti, anche se la consegna di parte del materiale è stata rallentata dalle ferie estive. «A novembre inizierà invece il montaggio dei box per cani e gatti», spiega.

La struttura può ospitare al massimo 350-400 gatti e 50-60 cani, numeri che possono cambiare a seconda dei periodi. In questi ultimi anni, anche per la capienza a disposizione, l’associazione non ha mai ospitato più di 10 cani contemporaneamente. Nel territorio il fenomeno del randagismo è del resto scomparso. Per quanto riguarda i dati dell’anagrafe cani, a Staranzano sono registrati dalle famiglie circa 980 cani, invece per i gatti ci sono pochi iscritti nell’elenco, tuttavia esistono ben 37 colonie feline sul territorio staranzanese.

Il perimetro del recinto della Cuccia comprende, in posizione centrale, l’ingresso dal piazzale destinato al parcheggio, i collegamenti verso i manufatti per gli animali e la sala d’attesa per i visitatori. Della struttura montata, a sud ci sono i vani riservati agli uffici, allo spogliatoio per gli addetti, al bagno-wc, alla cucina e al magazzino generale. Verso nord, si trovano i locali per il presidio medico chirurgico e la centrale termica. Inoltre l’uso del locale “spogliatoio” verrà assoggettato a turnazione, nel caso di compresenza di addetti di genere diverso. Infine è stato destinato un vano esclusivamente a wc per i visitatori.

Il rendering della nuova oasi per...
Il rendering della nuova oasi per cani e gatti de La Cuccia, nella frazione di Dobbia


Finita la posa del blocco servizi, il calendario dei lavori proseguirà con il montaggio delle barriere acustiche da sistemare attorno al perimetro del canile. Fra le indicazioni previste nel progetto e nelle prescrizioni dell’Aas, tutta l’area comprendente i manufatti, cioè l’edificio e box per cani e gatti, saranno a una distanza non inferiore a 100 metri da edifici residenziali. Le aree recintate saranno del tipo “antiscavalcamento” di altezza non inferiore a 2,50 metri. È intenzione de La Cuccia prevedere i servizi che garantiscano le condizioni di salute e al benessere degli animali ricoverati. Nello specifico ci sarà la presenza di una media di tre addetti nella fascia oraria mattutina con mansioni di pulizia, per l’accoglienza del pubblico e di un addetto nelle ore pomeridiane con le mansioni di pulizia e distribuzione del cibo agli animali. Verrà nominato un veterinario libero professionista come responsabile sanitario a garanzia dell’assistenza. Quindi la presenza di un educatore cinofilo per la rieducazione degli animali e varie attività finalizzate a incentivare l’adozione degli animali ospiti.

 

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon