Quotidiani locali

Bison vola negli Usa tra i coach di baseball

RONCHI DEI LEGIONARI . Partirà domenica. Destinazione Tampa Bay, negli Stati Uniti. Sarà qui che Thomas Bison, allenatore di baseball di Ronchi dei Legionari, prenderà parte, unico italiano e facente...

RONCHI DEI LEGIONARI . Partirà domenica. Destinazione Tampa Bay, negli Stati Uniti. Sarà qui che Thomas Bison, allenatore di baseball di Ronchi dei Legionari, prenderà parte, unico italiano e facente parte di un terzetto di europei, al “Coaching exchange program”, promosso dalla Major league di baseball che, appunto, lo ha selezionato per far parte di questa bellissima avventura.

Bison, 43 anni, già giocatore nelle file dei Black Panthers nel ruolo di ricevitore ed ora tecnico in forza ai Ducks di Staranzano, affiancherà lo staff tecnico della Instructional league nella struttura dello spring training dei Toronto Blue Jays. Lo scopo del programma, al quale parteciperanno, come detto, solamente 3 tecnici in tutta Europa, è quello di far crescere tecnici europei per poi riversare l’esperienza maturata sul territorio.

«È stata una bella soddisfazione essere selezionati – racconta Thomas – anche perché questa convocazione non è il frutto di una mia richiesta, ma proprio di quanto hanno potuto vedere i tecnici della Major league, Dan Bonanno in particolare, durante il camp che si è svolto quest’estate allo stadio Gaspardis di Ronchi dei Legionari».

A Tampa Bay saranno impegnati tutti i migliori prospetti delle varie leghe americane che, in questo periodo, avranno la possibilità concreta di migliorare le proprie prestazioni ed il loro livello di gioco. «È un grande riconoscimento per il mio lavoro – continua – e non è detto che, poi, non possa avere un seguito una volta rientrato in Italia». Bison, infatti, potrebbe trovar posto nell’organizzazione che la Major league del baseball ha in Italia e che visiona, valuta e “pesa” i giovani talenti. Com’è successo alcuni anni fa ad un altro ronchese, quel giovane Alberto Mineo che dai New Black Panthers ronchesi volò negli States proprio per giocare da professionista.

«Sono molto felice – sono ancora le parole di Bison – e spero di fare una bella figura che mi dia la possibilità di lavorare anche in un prossimo futuro con questa ambita ed importante organizzazione. È sicuramente il coronamento di un sogno e spero proprio che sia una bella e gratificante avventura che, poi, possa servire a tutti i nostri giovani». Il cam di quest’estate allo stadio “Gaspardis”, ricordiamo, ha visto la partecipazione di ben 70 atleti selezionati e della nazionale italiana di categoria, in preparazione dell’Europeo in Austria. Un evento davvero eccezionale che ha investito la città che, prima in Italia, è entrata nel circuito del “batti e corri” statunitense.
A Ronchi dei Legionari si “mastica” baseball ormai da lungo, lunghissimo tempo ed anche queste iniziative fanno parte della storia di questo sport che continua a macinare successi e tante soddisfazioni. Come quella che vede protagonista ora Thomas Bison.

(lu. pe.)

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics