Quotidiani locali

Trieste, disabile vittima di uno stupro di gruppo

Due sessantenni sono accusati di aver portato di forza una giovane in una casa a Borgo San Sergio e di averla poi violentata

La vittima di questa drammatica vicenda è una disabile, ritenuta “particolarmente problematica”. Al punto che, proprio per le sue condizioni, non è stata nemmeno in grado prima di raccontare la violenza subita, né poi di denunciarla. Chi se n’è - casualmente - accorto è stato un infermiere del Centro di salute mentale di Domio, che il 5 giugno scorso l’aveva vista in compagnia di due che la stavano strattonando, spingendo e portando in un appartamento di via Forti, a Borgo San Sergio. Successivamente è arrivata la conferma dal Pronto soccorso del Burlo. Il cui medico, a corredo del referto della visita effettuata alla donna poche ore dopo i fatti in questione, ha confermato dal punto di vista clinico quanto poi sono riusciti a sapere, con non poche difficoltà, gli operatori dello stesso Csm di Domio. La vittima, in particolare, ha raccontato - con grande difficoltà per l’appunto - di essere stata trattenuta a terra, in quella circostanza, da più individui. Uno di questi le dava dei colpi alla schiena per spaventarla mentre l’altro, tenendola ferma, abusava di lei, prima di lasciare che a farlo fosse l’amico. Tutto era durato poche decine di minuti. Poi la giovane donna è andata al Csm e ha raccontato “qualcosa” appena. “Qualcosa” che è stato poi integrato con quello che poche ore prima aveva visto l’operatore che in quel terribile momento passava appunto per via Forti.

leggi anche:



I due presunti violentatori sono Sergio Scherli, 62 anni, e di Edi Furlan, 61. Sono accusati dal pm Matteo Tripani di violenza sessuale di gruppo e lesioni personali. A loro sono arrivati i carabinieri dopo aver interrogato l’operatore che li aveva visti con la disabile. Sono liberi. Anche perché sono in corso altri accertamenti investigativi da parte dei militari. Ieri mattina, intanto, lo stesso pm ha disposto quella che - di fatto - potrebbe essere la prova regina: la comparazione dei Dna della vittima e dei presunti violentatori. Alla giovane donna infatti, al momento della visita al Pronto soccorso del Burlo, era stato effettuato un tampone proprio per la ricerca del Dna.

Ora quel Dna sarà comparato con quello prelevato qualche settimana fa dai due indagati, che ne hanno dato il consenso. A effettuare la comparazione sarà il dottor Pasquale Linarello, uno tra i più importanti biologi forensi, ex ufficiale dei carabinieri del Ris, responsabile di un avanzatissimo centro di indagini genetiche che ha sede a Milano.

leggi anche:

Si devono a lui gli accertamenti tecnici sotto le unghie di Chiara Poggi, vittima dell’omicidio di Garlasco, e quelli relativi a Nerina Zennaro Molinari, l’anziana di 87 anni uccisa nella sua casa di via Puccini, del quale è ritenuto autore l’ex venditore di aspirapolveri Tiziano Castellani. Si tratta - tecnicamente - di un atto non ripetibile. E cioè utilizzabile in dibattimento. Insomma, la prova del nove sulla colpevolezza dei due indagati, al momento presunti autori della violenza di gruppo. All’udienza di nomina di ieri erano presenti i difensori di Sergio Scherli e Edi Furlan, gli avvocati Antonio De Pauli e Luca Maria Ferrucci. E anche l’avvocato Marta Silano, che rappresenta la persona offesa.

Edi Furlan, soprannominato “Edi Vacca”, è un personaggio noto alle cronache. Nel marzo del 2016 era stato arrestato sempre dai carabinieri per aver rubato il cane del vicino. Un’accusa che era seguita di pochi mesi il cosiddetto “caso Borgo San Sergio”, ovvero l’assalto dell’ottobre 2015 al terreno che confina con il suo in via dei Peco, di proprietà di un’altra persona con cui era in “rotta”, assalto finito tra galline e conigli morti a bastonate o mangiati dai maiali e dai cinghiali liberati dai recinti. Una mattanza. Lo scorso 6 giugno, e cioè il giorno seguente allo stupro, si è reso protagonista di un altro episodio di cronaca nera a Buttrio. Aveva notato una donna sola in stazione, intenta ad acquistare un biglietto alle macchinette elettroniche, e aveva provato a rubarle il denaro che teneva in mano. Poi l’aveva palpeggiata ripetutamente e inseguita, ma lei era riuscita a fuggire e a chiedere aiuto. Alla fine “Edi Vacca” era stato arrestato.
 

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista