Quotidiani locali

a4

Terza corsia, da questa sera i lavori di prolungamento a Porpetto

Cantiere aperto dalle 21 di oggi, giovedì 14 settembre, fino alle 5 di domani mattina. Si riprende da lunedì 18 a venerdì 22 settembre. Sopralluogo della Dia

Si allunga di cinque chilometri il cantiere per la terza corsia in A4. Il tratto interessato ai lavori va dal km 480 al km 485, in comune di Porpetto (in Friuli Venezia Giulia). In questo tratto le corsie di marcia vengono ridotte a 3 metri e 50 di larghezza e viene eliminata la corsia di emergenza; vengono inoltre chiuse le piazzole di sosta. I lavori si svolgeranno in due fasi.

Questa sera la prima fase di lavori. Per quanto riguarda la prima fase, situazione meteo permettendo, i lavori inizieranno alle 21 di oggi, giovedì 14 settembre, e dureranno fino alle 5 del mattino di venerdì. Si prevede la cancellazione della segnaletica orizzontale bianca, che verrà sostituita con quella gialla “di cantiere”.

La seconda fase. E' stata pianificata da lunedì 18 a venerdì 22 settembre. Verranno collocati i New jersey che delimiteranno la carreggiata. Anche in questo tratto sono attivi i varchi (complessivamente 40 su tutto il lotto) per consentire gli ingressi di emergenza. Limiti di velocità. Nel tratto interessato dai lavori il limite di velocità – per tutti i veicoli - resta fissato a 80 chilometri all’ora mentre per i mezzi pesanti è ridotto a 70 chilometri all’ora con divieto di sorpasso.

Autostrada in una foto d'archivio
Autostrada in una foto d'archivio

Il sopralluogo odierno della Dia. E nel cantiere del terzo lotto della terza corsia della A4, fra Alvisopoli e Gonars, è stato effettuato oggi, giovedì 14 settembre, un sopralluogo dalla Dia (Direzione investigativa antimafia).

Ne ha dato notizia Autovia Venete stessa: "Si tratta di verifiche di routine – afferma il presidente di Autovie Venete Maurizio Castagna –  che vengono effettuate soprattutto nei cantieri delle grandi opere, controlli che hanno l’obiettivo di vigilare sui grandi appalti per impedire e scoprire eventuali infiltrazioni mafiose o criminali nel mondo degli appalti e anche per verificare il rispetto delle normative sul lavoro e sulla sicurezza. Del resto – aggiunge Castagna – proprio per sancire la massima sinergia fra forze dell’ordine e stazione appaltante, per tutti i lotti della terza corsia sono stati sottoscritti – con le Prefetture interessate – appositi Protocolli di Legalità, con i quali mettiamo in pratica il principio di leale collaborazione fra le istituzioni, per attuare un'azione comune che ha come obiettivo la massima trasparenza e legalità nella realizzazione di un'infrastruttura strategica”.


Tra le azioni previste nei Protocolli, il rafforzamento dei controlli preventivi sul rilascio delle documentazioni antimafia; la predisposizione di piani di controllo coordinato dei cantieri e tavoli di monitoraggio per il tracciamento dei flussi di manodopera, in modo da evitare i fenomeni di sfruttamento del lavoro. E’ stata anche l'istituita l'Anagrafe degli esecutori, un portale che raccoglie tutte le informazioni sulle imprese coinvolte nell'opera.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie