Quotidiani locali

Vai alla pagina su Lavoro
ECONOMIA

Fvg, occupazione al 65,8% si torna ai livelli pre-crisi

Al lavoro in 508mila nel secondo trimestre, Gorizia e Trieste in vetta per aumenti. Disoccupazione giù al 6,4%. Serracchiani: arrivano i risultati del nostro impegno

TRIESTE. Nel secondo trimestre 2017 gli occupati in Fvg salgono a 508.007, con un +2,1% rispetto allo stesso periodo del 2016. Il tasso di occupazione (media annuale) si attesta al 65,8% (+1,4%) superando il 65,4% della media annuale 2007. È il livello più alto registrato dalle rilevazioni trimestrali Istat a partire dal 2008. A dirlo sono i dati riportati dalla Regione. I disoccupati sono 34.727, giù di 9.779 unità (-22%), il tasso di disoccupazione è al 6,4% (-1,8%), uno dei valori più bassi da quando è iniziata la crisi. I disoccupati calano in parallelo alla diminuzione degli inattivi in età da lavoro di oltre 2.900 unità (-1.3%), dato in controtendenza rispetto ai periodi precedenti e anche ad alcune dinamiche recenti a livello nazionale. Altra tendenza da segnalare, dopo periodi di relativa bassa crescita dell'occupazione (intorno all'1%) e con incrementi in linea col livello nazionale ma al di sotto della ripresa delle regioni del Nord Est, in questo trimestre tutti i valori sono migliori per la nostra regione. Nel raffronto fra primo semestre 2017 e stesso periodo del 2016 infatti - segnala a sua volta il ricercatore dell’Ires Alessandro Russo in una rielaborazione dei dati Istat - è invece il Veneto, col suo 2,3% di crescita occupazionale, a superare anche la media nazionale.

Se l'occupazione in Fvg sale del 2,1% rispetto allo scorso anno, l'Italia sale dello 0,7%, nel Nord Est la crescita è al 1,1%; simmetricamente i disoccupati in Fvg diminuiscono del 22%, contro l’5,1% nazionale e il 14,7% del Nord Est. Le tendenze rilevate dall'Istat confermano il quadro positivo dei dati su flussi di assunzioni e cessazioni per il lavoro dipendente. Le assunzioni in Fvg nel secondo trimestre del 2017, infatti, nelle rilevazioni dell’Agenzia regionale per il lavoro, hanno fatto registrare il miglior dato degli ultimi 10 anni. 64.063 le nuove assunzioni fra aprile e giugno. Rispetto al secondo trimestre 2016, le assunzioni sono salite di più in percentuale nei territori di Gorizia (+43%) e Trieste (+42%), anche se in termini assoluti è Udine a fare a parte del leone. A Pordenone il dato è +34,7%.

Debora Serracchiani, presidente della...
Debora Serracchiani, presidente della Regione


Come a livello nazionale l’Istat segnala una crescita dei dipendenti che però in 8 casi su 10 sono a termine, anche in Fvg tra i contratti prevalgono il tempo determinato (oltre 29 mila assunzioni) e somministrato (16.302): cresce anche il tempo indeterminato (4.493 contratti). È boom per il lavoro intermittente, con 5.214 contratti. Ed è ancora l’Ires poi a segnalare nell’ultimo semestre una ripresa delle assunzioni in apprenditato. Sono di donne la metà delle nuove assunzioni, gli extracomunitari risultano il 13,1%, il 39% del totale ha meno di 29 anni, il 51% ha fra i 30 e i 50 anni. I numeri si inseriscono in un quadro in cui l’Istat a livello nazionale segnala un calo della disoccupazione al 10,9%, livello non raggiunto da cinque anni a questa parte.

Tornando al Fvg, a crescere di più è il settore industriale, dove l’occupazione raggiunge quota 128.619 occupati, con oltre 10.000 unità in più (+8,5%). Tendenza alla ripresa anche nelle costruzioni con 3.249 occupati in più (+14,9%). In lieve flessione invece i servizi (-0,9%), che occupano oggi oltre 300.000 persone. Cresce ancora il settore commercio, alberghi e ristoranti con 91.151 occupati (+1,6%).

Le cifre fanno dire alla governatrice del Fvg Debora Serracchiani che «il Fvg è tornato a crescere e che finalmente aumentano in modo netto i posti di lavoro. Dopo anni in cui abbiamo tenuto duro, in cui ci siamo impegnati per rimettere in moto il sistema produttivo del territorio e riformato i servizi di accompagnamento al lavoro, arrivano i risultati». Le politiche «che hanno portato a questo traguardo saranno portate avanti con maggiore determinazione, siamo convinti che si possa fare ancora meglio», aggiunge Serracchiani. Che non dimentica come «ci sono ancora situazioni difficili in vari territori della regione, realtà che devono ancora agganciare con decisione la ripresa»: «Proseguiremo perciò a stimolare e supportare la nostra impresa, gli spazi per crescere e creare altro lavoro ci sono». «Il percorso - aggiunge l’assessore regionale al Lavoro Loredana Panariti - non può certo dirsi concluso: ma i numeri confermano che, insieme alle rappresentanze sociali, abbiamo saputo correttamente interpretare il cambiamento in atto e compiere scelte di sistema», giacché «la crescita nel complesso appare consistente e consolidata».
 

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista