Quotidiani locali

mobilità

Da Barcis a San Daniele al mare. Mille chilometri solo per le bici

Tre milioni spendibili nel triennio per rendere la regione a misura di cicloturista. Serviranno sia a realizzare nuovi tracciati che a potenziare quelli già costruiti

TRIESTE. La Regione scommette sulla ciclabilità e nel triennio 2017-2019, come indicato nell’assestamento di bilancio, prevede finanziamenti per oltre tre milioni di euro, mirati a interventi che porteranno alla realizzazione di nuove piste ciclabili e/o alla sistemazione di quelle esistenti. Una volontà di puntare sulla mobilità ecosostenibile alla luce dei tanti cittadini che in tutto il Friuli Venezia Giulia si muovono sempre più con la bici e del numero crescente di cicloturisti.

Nuovi percorsi L’opera più consistente, in termini di costi, sarà il completamento dell’itinerario definito Fvg3, parallelo al tracciato ferroviario, con la costruzione della pista ciclabile nei comuni di Pinzano, Meduno, Cavasso, Montereale e Maniago, per complessivi 300mila euro, ai quali se ne aggiungeranno altrettanti per l’anello tra Maniago, Frisanco, Pala, Barzana, Andreis, Barcis e Montereale. Ammonta a 250mila euro un altro progetto tra i più onerosi, il percorso ciclopedonale Loch-Supizza, all’ex confine di Stato, la prosecuzione del percorso Bimobis. Segue, con 200mila euro di esborso, la realizzazione delle piste ciclabili interne che collegheranno le ciclabili Alpe Adria e Bimobis, e ancora, per lo stesso importo, la ciclovia Alpe Adria nel Comune di Pontebba.

Un tratto della ciclovia Alpe Adria...
Un tratto della ciclovia Alpe Adria nella zona di Tarvisio in un’immagine di repertorio


Tre le novità previste poi la pista ciclabile Basiliano-San Marco lungo la ex provinciale SP10, il percorso cicloturistico sul fiume Varmo, la nuova viabilità ciclabile Tolmezzo-Amaro, con il completamento della rete carnica, la viabilità ciclopedonale tra Moruzzo, Fagagna, Rive d’Arcano e San Daniele del Friuli. La pista ciclopedonale sopra l’argine del Tagliamento e il collegamento ciclabile tra Udine e Campoformido: le tempistiche per ogni singola novità non sono ancora state rese note, ma secondo il programma saranno completate o comunque avviate entro il 2019.

La mappa La Regione Friuli Venezia Giulia sta realizzando la “Rete delle ciclovie di interesse regionale (ReCIR)”, un sistema di ciclovie collegato anche con i tracciati dei paesi confinanti.

I percorsi si possono visionare al link www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/infrastrutture-lavori-pubblici/infrastrutture-logistica-trasporti/ciclovie/. La ReCIR si compone di dieci ciclovie, per un totale di oltre di mille chilometri, dei quali 450 chilometri sono già stati realizzati e comprendono la ciclovia Alpe Adria, quella del mare Adriatico, la pedemontana e del Collio, quella della pianura e del Natisone, le ciclovie dell’Isonzo, del Tagliamento e del Livenza, quella della montagna carnica, quella della bassa pianura pordenonese e la Noncello-mare.

La ciclabile di collegamento tra...
La ciclabile di collegamento tra Muggia e Parenzana


Gli investimenti Oltre ai tracciati specifici indicati, 50mila euro vengono destinati in generale a potenziare i collegamenti tra siti archeologici e naturalistici della regione, ulteriori 100mila per la predisposizione di un programma comprensoriale di interventi su viabilità ciclabile e i sentieri. Altri 40mila figurano per la “riqualificazione dei parchi e delle zone naturalistiche dei Comuni dell’Unione Sile e Meduna, Parco di Torrate, Parco delle Dote, Laghi di Cesena, Parco Cornia, Borgo medioevale di Panigai e i relativi percorsi ciclopedonali di collegamento”.

Attenzione puntata anche ai ciclisti di montagna, con 3.500 euro mirati a creare e segnalare percorsi in quota per mountain bike. «Per la realizzazione dei tratti di “pista ciclabile-ciclopedonale” della ReCIR - viene sottolineato dalla Regione - si predilige l’utilizzazione dei tracciati ferroviari dismessi, delle stradine arginali, delle carrarecce di campagna e delle piste forestali».

Le criticità Fiab Ulisse, che da anni si occupa di ciclabilità, sollecita la Regione su un intervento in particolare, per cui manca ancora l’ultimo tassello. Si tratta della pista ciclabile del Carso, da Monfalcone a Draga Sant’Elia. «Nell’aprile di quest’anno è stata inviata una lettera all’assessore Santoro alla quale non è seguita nessuna risposta. Si tratta di una novità già prevista nel 2009 con un finanziamento di due milioni e 900mila euro – ricorda Federico Zadnich, coordinatore regionale Fiab Fvg - ma poi tutto si è arenato e non è mai stato avviato il progetto esecutivo. Su questo noi avevamo raccolto 1.300 firme. Riassumendo, la Provincia ha realizzato il progetto esecutivo ma poi si è fermata, non ha fatto il bando per la realizzazione e nel frattempo è stata sciolta. Da un anno tutto è passato nelle mani della Regione che però non ha fatto il bando, quindi i 2,9 milioni di euro e il progetto sono in stand by. Questi ritardi danneggiano l’economia cicloturistica della provincia di Trieste».

La tratta viene definita importante da Fiab Ulisse, che aveva indicato in un comunicato già un paio di anni fa, come fondamentale, «eseguire con priorità il lotto Monfalcone-Sistiana in modo da dare continuità alla ciclabile Grado-Monfalcone e consentire ai cicloturisti diretti a Trieste di percorre l’itinerario del Carso o in alternativa la più spettacolare strada costiera come stanno già facendo tutti i tour operator che operano nella nostra provincia». E se per alcuni collegamenti si attende ancora una risposta, per altri Fiab Ulisse annuncia una novità che vedrà la luce il prossimo anno. «Nel 2018 – spiega Zadnich – lanceremo la nuova ciclabile Ciclovia Aida, che attraverserà l’Italia, partirà proprio da Trieste per raggiungere Susa e toccherà la principali città del nord, un affascinante itinerario per chi viaggia in bici alla scoperta delle bellezze del nostro Paese».
 

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista