Quotidiani locali

il caso

Trieste, 21enne arrestato per evasione dai domiciliari, torna ai domiciliari

L'uomo, sorpreso a fumare uno spinello fuori casa, ha opposto resistenza alla perquisizione della casa, dove i carabinieri si sono trovati davanti un pit bull

TRIESTE Arrestato per evasione e poi rimesso ai domiciliari. È stata sicuramente un’avventura movimentata quella di un pluripregiudicato di 21 anni, F.S. le iniziali.

I carabinieri incaricati di effettuare un controllo nella sua abitazione si sono trovati davanti un pit bull. Intanto davanti a casa c’era il giovane che stava fumando uno spinello. L'uomo - si legge in una nota dell’Arma - «ha poi opposto una tenace resistenza per impedire che i carabinieri accedessero all’abitazione».

Anche perché appunto c’era il pit bull. Sono arrivate altre pattuglie in ausilio e alla fine i militari hanno perquisito la casa senza aver gravi problemi dal cane che, da quanto appreso, stava calmo. La

perquisizone che ha portato al rinvenimento di un’altra piccola quantità di marijuana.

Alla fine, come accennato, è scattato l’arresto. Il giovane è stato interrogato dal gip Giorgio Nicoli che ha accolto la richiesta del difensore Guido Primavera della concessione dei domiciliari.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon