Quotidiani locali

il caso

Trieste, firme pro bus notturni: si muove il Palazzo

I promotori della petizione sottoscritta da mille persone convocati in municipio a metà settembre

TRIESTE Prime risposte della politica alla petizione promossa da un gruppo di studenti per intensificare le linee notturne della Trieste Trasporti. Petizione avviata lo scorso marzo e arrivata a quota mille sottoscrizioni in poco meno di un mese.

leggi anche:

In molti hanno spinto per far arrivare la mozione all’amministrazione comunale, sia con i banchetti di raccolta firme - ospitati in alcune occasioni dagli stand del M5S - sia con le campagne sui social network. E un primo risultato, come detto, è stato raggiunto.

Qualche giorno fa, infatti, si è svolta una riunione tra il consigliere della Lista Dipiazza e presidente della Terza commissione Francesco Di Paola Panteca e due dei giovani che hanno contribuito a stendere e diffondere il testo della petizione: Marko Pejatovic e Nicolò Grisafi. Entrambi diciannovenni, il primo ex studente del Galilei e il secondo iscritto al Carducci-Dante.

leggi anche:

L’obiettivo dell’incontro? Spingere i promotori a formulare una serie di proposte concrete da sottoporre al vaglio della stessa commissione, del Consiglio comunale e naturalmente della Trieste Trasporti.

Idee che verranno presentate il 14 settembre proprio in occasione della riunione della Terza commissione, in un momento di confronto tra politica e cittadinanza a cui prenderanno parte anche i rappresentanti della Trieste Trasporti.

«Invito tutti coloro che in questi mesi hanno sostenuto la nostra proposta a partecipare alla riunione di metà settembre o a contattarci su Facebook - è l’invito di Marko Pejatovic -.

leggi anche:

Abbiamo ricevuto molte adesioni, vuol dire che è un tema sentito e che non riguarda solo noi giovani ma buona parte della popolazione, specialmente chi vive nei rioni periferici meno serviti dagli autobus negli orari notturni».

Per quanto riguarda le proposte da avanzare alle istituzioni, le linee guida ci sono, anche se i giovani sono pronti a valutare nuove idee: «Abbiamo pensato di inserire tre linee notturne a partire dalle 2.30 in tre zone della città che al momento ne sono sprovviste.

Ci siamo basati sulle nostre esperienza personali e sui racconti delle molte persone che abbiamo conosciuto ai banchetti - spiega l’ex studente del Galilei -. La prima tratta che abbiamo immaginato di inserire va da Piazza Oberdan a Opicina e Prosecco, la seconda invece comprende Piazza Foraggi, Valmaura, Giarizzole, mentre la terza è simile al percorso della linea A, dalle Rive a San Luigi» .

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik