Quotidiani locali

Infrastrutture

Trieste, scommessa da 280 milioni per il Porto

Piattaforma logistica in cima ai cantieri strategici. Il nodo Monfalcone

Il Piano operativo triennale. Espansioni a mare per la terminalistica, bonifiche, opere a supporto delle funzioni ferroviarie. Sono le tre linee prioritarie dello sviluppo infrastrutturale del Porto di Trieste, così come delineate dal Piano operativo triennale 2017-2019.

 

leggi anche:

 

Il documento è stato approvato nei giorni scorsi dal comitato di gestione dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico orientale.Le oltre 180 pagine fotografano la situazione presente e passata degli scali di Trieste e Monfalcone, le prospettive future sotto ogni aspetto dell’attività portuale.

Un miliardo di euro di investimenti sul lungo periodo. Un capitolo fondamentale riguarda le “opere di grande infrastrutturazione”, e svela le intenzioni della dirigenza dell’Adsp nell’applicazione del Piano regolatore del 2016. L’ammontare complessivo degli investimenti richiesti dal Pr è stimabile in circa un miliardo di euro, spiegano gli autori, ma sul lungo periodo.

Nel breve e medio periodo 280 milioni. Il piano operativo stabilisce invece le linee guida in una prospettiva temporale di breve e medio termine. Promuove quindi la realizzazione di alcuni interventi specifici di grande infrastrutturazione: alcuni di questi sono inclusi nel piano regolatore, altri ne costituiscono un supporto. Sommando soltanto due degli interventi principali, la piattaforma logistica e il “Global project” ferroviario, la cifra supera i 270 milioni di euro.

leggi anche:

Le opere per la terminalistica. La prima opera prioritaria elencata nel piano è la piattaforma logistica. L’opera da 132 milioni dovrebbe essere completata entro l’inizio del 2019, andando a costituire il primo stralcio del Molo VIII. Al vaglio c’è un secondo stralcio da 182 milioni di euro. Si legge nel testo: «Per interventi collegati alla funzionalità della “Piattaforma Logistica”, l’Adsp ha individuato possibili finanziamenti (27 milioni di euro complessivi), a carico di Rfi, per l’esecuzione di opere di potenziamento delle linee esistenti e delle stazioni di Servola ed Aquilinia al servizio dell’area operativa».

L’altra opera fondamentale sarà l’allungamento di 200 metri del Molo VII, in carico al gestore attuale Tmt, che ha il terminal in concessione sessantennale. Prioritario sarà anche, una volta bonificata l’area ex-Aquila, realizzare un nuovo terminal Ro-Ro nel vallone di Muggia. Dovrà avere una capacità di 630 navi l’anno, e potrà eventualmente ospitare le attività di Adriaterminal, ora in Porto vecchio.

leggi anche:

Le bonifiche. L’Autorità intende sviluppare funzionalità portuali o di trasformazione nelle aree inserite nel Sito di interesse nazionale. «Poiché sulle aree di propria competenza le bonifiche costituiscono un elemento fondante del futuro sviluppo infrastrutturale», si legge, l’Autorità «valuterà i modi con cui reperire le risorse per ciascuna delle aree, o accedendo al mercato finanziario con le risorse proprie per procedere al programma di finanziamento di tali attività e/o reperendo risorse private collegate a piani di investimento».

Lo sviluppo ferroviario Il traffico su rotaia è l’asso nella manica del porto. Per potenziarlo sono previste diverse opere prioritarie. Gli obiettivi di grande infrastrutturazione sono i seguenti: opere su Campo Marzio, consistenti nel potenziamento e nel collegamento dello scalo con la rete ferroviaria nazionale; sviluppo delle infrastrutture ferroviarie del nodo funzionale di Trieste; sviluppo infrastrutturale al servizio del trasporto ferroviario portuale e retroportuale, «tenuto anche conto della sensibile crescita di traffico ferroviario e movimentazione nell’ambito del Porto di Trieste»; lavori di costruzione della nuova stazione ferroviaria in area Scalo Legnami, a servizio anche della piattaforma logistica e del futuro Molo VIII.

Per avviare questo complesso di opere, l’Adsp ha stilato un progetto unitario definito “Global project”, per un totale di 146 milioni di euro. Ovviamente queste opere “strategiche” non esauriscono il totale degli interventi previsti nel triennio.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Stampare un libro, ecco come risparmiare