Quotidiani locali

Esof 2020

Trieste a Strasburgo: «Meritiamo di essere la Capitale della scienza»

La delegazione italiana ha presentato la candidatura della città «casa della ricerca». Attesa per il verdetto (entro il 15 luglio)

Trieste eurocapitale della scienza 2020: come cambierebbe Porto vecchio L'ambizioso progetto presentato a Strasburgo prevede il fulcro delle attività in Porto vecchio, Magazzini 26, 27 e 28. Bar, ristoranti, auditorium, sale conferenze, musei. In caso di vittoria la Commissione europea stanzierà un milione. Per i promotori le percentuali di successo superano il 50%. Il piano rivoluzionerebbe l'antico scalo e il suo ruolo per la città.

TRIESTE La candidatura. Non è stato uno di quegli esami a cui uno si presenta impreparato e poi “come va, va”. Tutti quelli che hanno assistito alla presentazione della candidatura triestina all’Euroscience forum a Strasburgo confermano il fatto che le domande dei commissari sono state puntuali e stringenti: fondi a disposizione, idee per attirare i giovani, metodi per coinvolgere quell’area mitteleuropea che è stata il punto forte della proposta triestina fin dall’inizio. Tutte cose che i quattro commissari Esof (più due in collegamento telefonico) hanno voluto approfondire assieme al “champion”, ovvero colui che presentava il progetto: nel caso di Trieste, il professor Stefano Fantoni, ex rettore della Sissa e presidente della Fondazione internazionale Trieste.

leggi anche:



La delegazione. Oltre a lui facevano parte della delegazione il vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello, il sottosegretario del Miur Gabriele Toccafondi, il ministro plenipotenziario Manuel Jacoangeli, la presidente dell’Ogs Cristina Pedicchio in rappresentanza degli enti di ricerca, l’ingegner Pierpaolo Ferrante, l’ingegner Diego Bravar in rappresentanza di Confindustria, il professor Renato Gennaro per l’ateneo di Trieste e Alessandro Lombardo per l’Iniziativa Centro Europea. «Trieste, snodo e cerniera tra aree culturali e produttive a livello macroregionale - ha detto Bolzonello - ha una consolidata vocazione di luogo della ricerca internazionale che le offre le carte vincenti per ricoprire un ruolo da protagonista nell’assegnazione dell’Esof 2020».

I commenti in attesa del verdetto. «Il rapporto fra Trieste, il territorio regionale e la scienza - ha proseguito il vicegovernatore Bolzonello - è rappresentato da uno stretto e strategico legame, costituito dalla radicata presenza di istituzioni dedicate alla ricerca e di parchi tecnologici connessi con il mondo imprenditoriale. A supporto di tutto ciò, le politiche della Regione Friuli Venezia Giulia e il ministero della Ricerca hanno in questi ultimi anni creato un network fra le università, i centri di ricerca e le imprese finalizzato al trasferimento della conoscenza».

leggi anche:

«Tutto sommato - così Sergio Paoletti, presidente di Area, a fine incontro - credo che sia andata bene. Sicuramente non era una passerella turistica. I commissari sono stati molto puntuali, preparati, e hanno chiesto risposte molto meditate, con documentazione e così via». L’impressione di Paoletti è «favorevole», ma «in queste cose è opportuno essere cauti». Anche perché, aggiunge, «gli avversari sono di tutto rispetto: l’università di Leida è una delle roccaforti della migliore scienza mondiale. Dal canto nostro noi abbiamo dato un’impressione di coesione territoriale e visione geopolitica, che peraltro era quel che richiedeva il bando. Incrociamo le dita».
 

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik