Quotidiani locali

In calo i casi di eccessi alcolici

Quattordici le persone medicate dai sanitari di cui due ricoverate. Nessuna rissa

MUGGIA. La scena che si è ripetuta più volte è stata quella di giovani ubriachi che barcollanti e sostenuti dagli addetti del 118 vengono accompagnati al posto di soccorso.

Vino, birra, spritz, whisky, gin, aperitivi, long drink, mischiati senza criterio e in molti casi senza limiti. Quattordici le “vittime” della kermesse di cui due sono stati i ricoverati. Numeri molto più bassi di quelli delle passate edizioni. Ma comunque dimostrano che anche quest’anno a Muggia si festeggiata forse con troppo “entusiasmo”.

Lo dicono gli interventi degli uomini del 118 (oltre 200 le chiamate alla sala operativa) che appunto in 14 casi si sono trovati di fronte, specie nel centro cittadino, a persone riverse a terra, incapaci di reggersi in piedi per il troppo alcol trangugiato sconsideratamente. Delle 14 persone soccorse dagli operatori del 118 una dozzina sono maggiorenni e due minorenni. Sul totale, secondo i report del 118, ben 11 sono state le «intossicazioni etiliche». Gli altri tre sono “caduti” sul campo a seguito di traumi e uno anche per le conseguenze di un’intossicazione per l’ingestione di sostanze stupefacenti.

Sul piano dell’ordine pubblico non sono stati registrati problemi. Né i carabinieri, né la polizia avrebbero registrato nelle relazioni di servizio episodi in qualche modo riconducibili a risse o danneggiamenti. Merito - evidentemente - dell’ordinanza “antiterrorismo” con cui è stato deciso di apportare una serie di misure efficaci per contrastare eventuali azioni pericolose. In primo piano la chiusura del traffico veicolare lungo la via di Trieste, in entrambi i sensi di marcia, con deviazione verso via di Santa Barbara e verso via Frausin con tanto di posizionamento di barriere di cemento in modo da realizzare un rallentamento effettivo per i veicoli. Poi il divieto di transito in via di Trieste. In vigore fino a domani il divieto ai negozi di alimentari e ai pubblici esercizi di vendere alcolici per asporto dalle 14 in poi. Le bottiglie andranno spostate o coperte sugli scaffali. Le sanzioni vanno dai 300 ai 3 mila euro. Sarà vietato farsi trovare nel

centro storico e nelle zone limitrofe con contenitori di qualsiasi materiale, indipendentemente dal contenuto. Dopo le 18 saranno consentiti soltanto bicchieri di plastica. Vietato l'uso di imbrattanti bombolette spray e colorate di qualsiasi tipo, in tutto il territorio comunale di Muggia.

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro