Quotidiani locali

Giorno del Ricordo, riti e polemiche

Centrodestra contro la deputata di Si Pellegrino e «il “negazionismo” di Kersevan» Alla Foiba di Basovizza la cerimonia principale, presente il sottosegretario Della Vedova

TRIESTE E' iniziato questa mattina alle 10 la cerimonia del “Giorno del Ricordo” al monumento nazionale della Foiba di Basovizza. Anche quest’anno la cerimonia e la complessa vicenda storica sottesa sono finite al centro di un acceso dibattito politico, che vede accorrere a Trieste esponenti della politica nazionale come Matteo Salvini (Lega), Giorgia Meloni (Fdi) e Mariastella Gelmini (Forza Italia). Anche sul piano regionale la polemica prosegue: gli esponenti forzisti del Fvg chiedono alla Regione di togliere i finanziamenti a realtà culturali che secondo loro sarebbero «negazionisti o riduzionisti» delle foibe.

 

Giorno del Ricordo, la cerimonia solenne alla Foiba di Basovizza La videosintesi delle celebrazioni alla Foiba di Basovizza per il Giorno del Ricordo, dalla diretta Facebook realizzata da Andrea Lasorte (l'integrale sul profilo Fb del Piccolo). LEGGI L'ARTICOLO: Giorno del Ricordo a Trieste, riti e polemiche

 

Andiamo con ordine. La cerimonia, che si svolge ogni anno da quando nel 2004 il Parlamento istituì la legge in memoria delle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata, si è tenuta a Basovizza alla presenza di un picchetto del Piemonte Cavalleria, con la musica d’ordinanza della Brigata Alpina Julia. Il programma ha previsto l’ingresso dei gonfaloni, l’alzabandiera, la deposizione di corone d’alloro, la consegna delle medaglie ai familiari delle vittime, la celebrazione della messa con la lettura della preghiera per le vittime e di alcune poesie. Seguiranno gli interventi delle autorità con il sindaco Roberto Dipiazza, il presidente del comitato per i Martiri delle Foibe Paolo Sardos Albertini e il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova in rappresentanza del Governo. Al termine una delegazione si recata a rendere omaggio alla foiba di Monrupino.

 

 

Veniamo all’aspetto politico: folto il gruppo dei partecipanti alla cerimonia. Forza Italia aveva annunciato la presenza di una delegazione capeggiata dalle parlamentari Mariastella Gelmini e Sandra Savino e dal capogruppo in Consiglio regionale Riccardo Riccardi.

Quanto a Matteo Salvini, prima della cerimonia dovrebbe aver visitato il Magazzino 18 in Porto vecchio, accompagnato dalle associazioni degli esuli e da esponenti della giunta comunale. Alle 10 a Basovizza.

I consiglieri regionali di Forza Italia Riccardo Riccardi, Rodolfo Ziberna, Bruno Marini, Roberto Novelli, Mara Piccin ed Elio De Anna hanno presentato una mozione in cui chiedono alla giunta di «sospendere ogni contribuito finanziario e di qualsiasi altra natura a beneficio di soggetti pubblici e privati che, direttamente o indirettamente, con qualunque mezzo e in qualunque modo, violino la legge 115/2016 che prevede il reato di negazionismo, fra cui si configura anche la negazione della tragedia delle foibe». Nel mirino la casa editrice KappaVu della storica Alessandra Kersevan rea, secondo i firmatari, di negare le foibe.

Scrivono: «Come accade puntualmente alla vigilia delle celebrazioni del Giorno del Ricordo, si scatena una gazzarra revisionista e giustificazionista, pianificata e concertata dai soliti circoli della sinistra anti-italiana che vede in prima fila la storica Alessandra Kersevan, nota per le sue posizioni negazioniste e riduzioniste nei confronti della tragedia delle foibe, nonché coordinatrice del gruppo di lavoro Resistenza storica ed editrice della KappaVu che ha ottenuto cospicui finanziamenti dalla Regione e da altri enti regionali come l’Arlef».

Rafforza la dose anche Savino: «Altrettanto grave - scrive in una nota - è il comportamento dell’onorevole Serena Pellegrino che ha invitato la Kersevan alla Camera dei deputati per una conferenza stampa. Pellegrino fa parte della Sinistra Italiana, lo stesso partito della presidente Laura Boldrini che terrà una cerimonia alla Camera in occasione del Giorno del Ricordo, un bel paradosso».

Giovedì una delegazione delle associazioni dell’esodo, accompagnate dall’assessore Angela Brandi, ha deposto corone ai monumenti all’esodo di piazza Libertà, agli infoibati, ai caduti e alle vittime dell’eccidio di Vergarolla sul colle di San Giusto, all’esodo a Rabuiese e a Norma Cossetto nella via a lei dedicata a Chiarbola. Il programma di eventi prosegue fino a settembre, poiché il 2017 è anche il settantennale della firma del Trattato di pace a Parigi, che sancì la sconfitta dell’Italia nella Seconda guerra mondiale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro