Quotidiani locali

Vai alla pagina su Giulio Regeni
Fiumicello, la folla commossa: è nei nostri cuori
caso regeni

Fiumicello, la folla commossa: è nei nostri cuori

Amici, conoscenti, tante persone comuni in strada. Sul palco due studenti egiziani del Collegio del Mondo Unito

FIUMICELLO. Ci sono tutti a Fiumicello. Sembra che il mondo si sia dato per un attimo appuntamento vicino alle rive dell’Isonzo. Amici di Giulio, conoscenti, abitanti del piccolo paesino ma soprattutto persone comuni. Tante, che si sono messe in viaggio per alzare la propria candela al cielo, nel gelo e nel silenzio.

C’è Nadia, di Pieris, collega di Paola Regeni. C’è Lorena, che si scalda al bar di Piazzale dei Tigli prima che l’orologio scocchi le 19.41: Paola è stata l’insegnante di scuola dell’infanzia dei suoi figli, a Monfalcone. Ci sono Andrea e Sara, padre arrivista di Emergency e figlia, di Conegliano: avrebbero potuto andare in piazza a Padova, ma hanno preferito fare qualche chilometro in più pur di essere qui, di “venire all’origine”.

Regeni, centinaia di fiaccole in cielo a Fiumicello per ricordare Giulio a un anno dalla scomparsa A un anno dalla scomparsa di Giulio Regeni, barbaramente ucciso in Egitto, il suo paese natale, Fiumicello, ha voluto tributargli un ricordo carico di emozione e di dignità. In una piazza gremita, centinaia di persone hanno alzato al cielo in silenzio una fiaccola per ricordare il giovane ricercatore e ribadire la voglia di verità(di Francesco Gilioli e Antonio Nasso)

C’è Anna Maria, anziana signora di Staranzano, venuta per “fare sentire alla famiglia che non sono soli, e le persone le hanno nel cuore”. Eleonora e Carlo sono invece originari di Fiumicello. Hanno anche loro una candela in mano, sono riusciti a prenderne due prima che si esaurissero per le troppe richieste. «Le nostre figlie facevano teatro con la sorella di Giulio. In un paese di cinquemila anime ci si conosce tutti, bene o male».

Debora e Giulia hanno invece qualche anno in meno di Regeni. Battono i piedi per sentire meno freddo, mentre dall’altoparlante risuonano le note di “Sogna Ragazzo Sogna” di Vecchioni. Le stesse che scandiranno la fine dei minuti di raccoglimento e l’entrata in Sala Bison, accanto al Municipio.

«Ci sentiamo prese dalla comunità di Fiumicello. E’ giusto ricordare un ragazzo che si è impegnato in ciò che credeva». Mentre pronunciano queste parole, all’unisono, una delle due si commuove e si gira dall’altra parte.

Dalle 19 i ranghi dei presenti iniziano ad ingrossarsi rapidamente. Arrivano le scolaresche. Arriva la squadra di piccole pallavoliste di Fiumicello, ordinate e in fila indiana, e arrivano i ragazzi del Consiglio Comunale dei Giovani di cui Giulio era stato protagonista durante l’adolescenza.

 

365 giorni senza Giulio Regeni - la videostoria Cronaca di un anno terribile per la famiglia di Giulio Regeni, per l'Italia e per tutta quelli che aspettano la verità su questo caso. Dal 25 gennaio 2016, quando il ricercatore italiano 28nne scomparve al Cairo dopo l'ultimo sms alla sua ragazza, alle 19.41; al ritrovamento del suo corpo senza vita e con segni evidenti di torture il 3 febbraio. E poi, di data in data, tutti i passaggi delle indagini che hanno avvicinato o allontanato gli investigatori italiani dalla verità. Fino al 15 gennaio 2017, il primo "non compleanno" di Giulio, come lo ha chiamato la madre Paola. E al 25 gennaio, con la grande mobilitazione promossa da Amnesty e raccolta, fra gli altri, anche da Repubblicavideoscheda a cura di Andrea Iannuzzimontaggio di Leonardo Sorregotti

 

Ci sono anche gli ex compagni del Collegio del Mondo Unito frequentato da Regeni. Bashir, egiziano, sale sul palco davanti alla platea in silenzio religioso. «Quello che posso dire è che bisogna cercare sempre la verità: non solo per lui, ma per tutti gli studenti del mondo che spariscono da un momento all’altro. Vorrei ringraziare i genitori di Giulio: mi avete insegnato la speranza vera. Come il sole, va via tutte le sere stanco, ma torna la mattina presto bellissimo».

 

Fiumicello, candele accese per Giulio Regeni e richiesta di verità dal palco In duemila hanno ricordato il ricercatore assassinato in Egitto nel suo paese, ad un anno dalla scomparsa. Sul palco del vicino teatro a lui dedicato si sono alternati gli interventi di politici e esponenti della società civile. Nel video montato da Katia Bonaventura: le parole del sindaco di Fiumicello, Ennio Scridel; del senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione dei diritti umani al Senato; del presidente della Fnsi, Beppe Giulietti, e della mamma di Giulio, Paola Regeni.
Fiumicello, candele accese per Giulio Regeni e richiesta di verità dal palco In duemila hanno ricordato il ricercatore assassinato in Egitto nel suo paese, ad un anno dalla scomparsa. Sul palco del vicino teatro a lui dedicato si sono alternati gli interventi di politici e esponenti della società civile. Nel video montato da Katia Bonaventura: le parole del sindaco di Fiumicello, Ennio Scridel; del senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione dei diritti umani al Senato; del presidente della Fnsi, Beppe Giulietti, e della mamma di Giulio, Paola Regeni.

 

La borsa di studio biennale in onore del ricercatore di Fiumicello sarà data proprio ad un ragazzo egiziano, come Bashir, “scappato dal suo paese per avere un futuro migliore”, sfidando la morte sul mare. Interviene pure Selma, rappresentante degli studenti egiziani a Duino. “Cercheremo sempre la verità. L’iniziativa della raccolta fondi per fare studiare uno studente egiziano qui l’anno prossimo mostra chi era davvero Giulio”.

L’abbraccio dei due con i genitori di Giulio, Paola e Claudio, commuove l’auditorio, zeppo di gente. Fuori gli altoparlanti diffondono le voci e le testimonianze di chi, sindaci senatori e attivisti, si alterna sul palco. Lo fanno per chi non è riuscito a prendere posto nel teatrino in cui avevano recitato i figli di Paola e Claudio, da piccoli. Una cinquantina di persone, che ascoltano con attenzione, immobili, le candele ancora accese. 

“Non posso immaginare il dolore di Paola", commenta Lorena, i cui figli sono stati educati dai tre ai sei anni proprio dalla mamma di Regeni. "Di sicuro, però, un pezzo del suo dolore è anche il mio”

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare