Quotidiani locali

trieste

Bora a 140 km/h: alberi e intonaci caduti. Decine di interventi

Alberi crollati in via Ponziana, via Commerciale, viale al Cacciatore. In Rotonda del boschetto uno è caduto su un cavo elettrico. Un centinaio nella notte le chiamate a vigili del fuoco e polizia municipale. Traffico in tilt per cassonetti e rami in mezzo alle strade

TRIESTE Ancora bora e sarà così ancora per tutta la giornata di oggi: nella notte tra martedì e mercoledì 18 il vento ha soffiato a 80 km orari con raffiche, come successo nella notte tra lunedì 16 e martedì 17 gennaio, che hanno superato i 140 km/h. Velocità di punta in ogni caso superiori alla raffica più intensa del 2016, quando il 16 febbraio la bora toccò i 108 orari.

Trieste, arriva la prima vera bora dell'inverno 2017 Nonostante i venti soffino a più di 140km/h, c'è qualcuno che ne ha approfittato per un bagnetto.... (foto e video di Andrea Lasorte/Facebook)

Un centinaio le chiamate giunte nella notte da parte dei vigili del fuoco e della polizia municipale: cassonetti "volanti", rami spezzati, cornicioni e tegole pericolanti e motorini a terra. Infissi caduti in via Torrebianca e in via dell'Industria. Oggi, mercoledì, al momento non si segnalano interventi del 118. Martedì invece quattro persone, tutte anziane, sono state soccorse dai sanitari del 118 in seguito a cadute provocate proprio dalle forti raffiche. Tutte sono state trasportate a Cattinara in codice verde, senza urgenza quindi.

Capitolo alberi: in Rotonda del boschetto uno è caduto su un cavo elettrico, quindi sono dovuti intervenire anche i tecnici dell'Acegas per metterlo in sicurezza. Martedì sera, un albero è caduto in via Bellosguardo tra il civico 58 il civico 69 proprio in mezzo alla strada.

leggi anche:

Nella mattinata di martedì da segnalare la chiusura di via Ponziana, all'altezza di via Battera, per un albero caduto in mezzo alla strada, e la chiusura di via Foscolo, tra via Rossetti e via Canova per caduta intonaci.

Altri alberi sono caduti in viale Cacciatore-Rotonda del Boschetto e in via Commerciale alta, dove l'arbusto è finito sui fili del tram di Opicina, fermo da mesi. Anche qui la strada è stata temporaneamente chiusa, così come via Buonarroti per un albero pericolante.

Disagi e traffico intenso si registrano, comunque, in tutta la città, con il conseguente superlavoro di vigili del fuoco e polizia locale. Ben 14 i cassonetti "volati" in mezzo alle strade: alcuni hanno provocato danni alle auto parcheggiate, soprattutto in via Malcanton, via Economo e Salita al Promontorio.

Caduta intonaci: via Foscolo chiusa per bora Tra le strade che martedì mattina sono state chiuse per le forti raffiche di bora c'è anche via Foscolo, dove alcuni intonaci sono caduti sulla strada sottostante, danneggiando anche un'auto parcheggiata. Il video è di Andrea Lasorte

A causa delle forti raffiche di bora, gli operatori di AcegasApsAmga - fa sapere l'azienda - hanno provveduto a mettere in sicurezza i cassonetti per la raccolta dei rifiuti, sigillandoli e dove possibile ancorandoli, per evitare che possano causare disagi e rischi per la sicurezza di passanti e mezzi. "Si informano, dunque, i cittadini che per i suddetti motivi di sicurezza, finché persisterà l’emergenza bora, non sarà possibile conferire i rifiuti negli appostiti contenitori.

Di conseguenza, sono stati ridotti i regolari servizi di raccolta, garantendo lo svuotamento dei rifiuti indifferenziati, del rifiuto organico e dei servizi essenziali alle strutture ospedaliere. Si informano, dunque, i cittadini che per i suddetti motivi di sicurezza, finché persisterà l’emergenza bora, non sarà possibile conferire i rifiuti negli appostiti contenitori della raccolta differenziata. Se saranno confermate le previsioni meteo, secondo cui da venerdì 20 gennaio la bora calerà d’intensità, i servizi ambientali di AcegasApsAmga saranno in grado di ripristinare il regolare utilizzo dei cassonetti da suddetta data e il servizio di raccolta sarà nuovamente assicurato".

leggi anche:

«Le raffiche più intense - spiega Giancarlo Visciano, addetto alle previsioni meteo dell’Istituto Nautico - si susseguiranno sia martedì che mercoledì, iniziando a calare solo giovedì mattina. Non sono invece previste precipitazioni, con il cielo che si manterrà poco nuvoloso».

La violenza della bora fa naturalmente percepire temperature più basse di qualche grado rispetto a quelle effettive, le cui minime sono previste sui 2-3 gradi, per cui la sensazione sarà quella equivalente ad alcuni gradi sotto zero.

leggi anche:

La bora, come detto, si è fatta sentire già ieri, con raffiche la cui velocità, verso le 16, gli strumenti del Nautico hanno misurato in 85 chilometri orari. Ma anche in mattinata il vento del E-NE aveva raggiunto una discreta intensità, con picchi di 70 orari e una media di 36. Come misura precauzionale il Comune ha stabilito già ieri, dalle 15, la chiusura di tutti i giardini pubblici, con l’esclusione solo di quello di Villa Sartorio.

La riapertura di queste aree verrà stabilita non appena l’intensità della bora tornerà a livelli non pericolosi per l’incolumità dei passanti. La Protezione civile comunale tiene comunque la situazione sotto controllo, per cui non si possono escludere ulteriori misure a tutela dei cittadini.

Sul fatto che la bora non se ne andrà prima della serata di mercoledì concorda Marcellino Salvador, previsore meteo dell’Osmer Arpa, che parla si una forte bora continuata per 48 ore, con una velocità media di 80 chilometri orari e picchi di 120 orari già nella mattinata di oggi. Non è esclusa poi qualche spruzzata di nevischio sul Carso, che però non riuscirà ad attecchire proprio a causa delle raffiche.

Bora a Trieste, anche camminare per strada diventa un'impresa Riprese di Andrea Lasorte nel pomeriggio di martedì 17 gennaio 2017

«La temperatura effettiva - spiega Salvador - si manterrà attorno allo zero, andando sotto di 1-2 gradi durante la notte. Quanto alla temperatura percepita è difficile fare previsioni in quanto bisogna tenere conto, oltre che delle raffiche, anche dell’umidità nelle singole zone».

Se ieri gli interventi dei vigili del fuoco si sono limitati a finestre pericolanti e a tegole cadute, ben diversa è stata la situazione in porto. Al terminal container del Molo settimo, dove la bora si fa sentire con tutta la sua violenza, si è lavorato un po’ a singhiozzo. Quando le raffiche superano i 90 chilometri orari, infatti, per evidenti ragioni di sicurezza si blocca l’intera attività del terminal. Man mano che l’intensità del vento sale, prima viene fermata la movimentazione dei container vuoti, poi quella dei contenitori pieni e successivamente l’attività delle gigantesche gru utilizzate per lo sbarco e l’imbarco.

La forte bora ha intanto bloccato, a Fiume e a Capodistria, due navi attese oggi e domani al Molo settimo, che quindi arriveranno al terminal triestino con qualche giorno di ritardo

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista