Quotidiani locali

il caso

Trieste, multe a chi fa l’elemosina o si sdraia sulle panchine

Il nuovo regolamento di polizia urbana firmato dal vicesindaco Roberti. Vietato fumare o consumare alcol nei giardini pubblici. Sanzioni ai vandali

TRIESTE. L’elemosina, chi la riceve e chi la fa. Chi fuma e chi beve alcol nei giardini pubblici. Chi va a prostitute. Chi sta seduto sui marciapiedi o si distende sulle panchine. O, peggio, bivacca. Vietato bestemmiare. Le crociate del vicesindaco di Trieste Pierpaolo Roberti sono contenute nella bozza del nuovo regolamento della polizia urbana.

leggi anche:

Il leghista ha rivisto il vecchio documento comunale, roba del 1926, aggiornandolo ai tempi nostri. L’intera maggioranza, da Forza Italia a Fratelli d’Italia e Lista Dipiazza, è con lui. Le ordinanze viste sin qui, come quella sui parcheggiatori abusivi delle Rive, i senzatetto, i musicisti di strada e i graffittari, erano solo l’anticamera di qualcosa di ben più vasto e corposo.

Scaldava i muscoli, Roberti. Adesso li mostra. «Combattiamo il degrado e l’inciviltà - annota il vicesindaco - vogliamo che a Trieste si rispetti la legalità. Quando si mette mano alle norme e prescrizioni che vanno a regolare la vita di una comunità è necessario assumersi, con convinzione, una grande responsabilità. La precedente amministrazione avrebbe potuto già muoversi, ma non lo ha fatto».

leggi anche:

Il regolamento Il documento è una bozza di ventiquattro pagine che ha già incassato il primo via libera della giunta. Prima dell’esame del consiglio comunale e l’approvazione definitiva, passerà per il setaccio delle circoscrizioni.

Il regolamento ha il parere favorevole della maggioranza, schierata ieri in conferenza stampa con i rispettivi capigruppo: Paolo Polidori per la Lega, Piero Camber per Forza Italia, Claudio Giacomelli per Fratelli d’Italia e Vincenzo Rescigno per la Lista Dipiazza.

All’interno del testo trovano posto tutte le battaglie aperte da Roberti sin qui, finora relegate a semplici ordinanze: le sanzioni anti-writer da 10mila euro e quelle anti-parcheggiatori abusivi sulle Rive, estese ora all’intero territorio comunale (con multe da 25 a 250 euro).

leggi anche:

Niente elemosina Il regolamento stabilisce il divieto di accattonaggio anche attraverso l’utilizzo di animali e ostentando menomazioni fisiche, in tutte le aree pubbliche. Ma, ecco la novità, d’ora in avanti saranno puniti pure i cittadini che fanno l’elemosina.

La sanzione, per tutti, va dai 150 ai 900 euro. Roberti non transige: «Vogliamo colpire i racket - spiega - dare un euro o qualche spicciolo in mano a un estraneo che domanda la carità non è aiutare. Ci sono tanti altri modi per farlo: offrire piuttosto un panino a chi ha fame, sempre che abbia davvero bisogno». Camber annuisce. «San Martino tagliò in due il suo mantello, Gesù spezzò il pane...».

I bivacchi Il provvedimento ricalca quello già attuato contro i senzatetto, ma circoscritto alla zona della stazione ferroviaria. Adesso vale su tutta la città ed è ben più pesante, perché non va a colpire solo i clochard notturni: non si potrà più “stazionare seduti”, tanto meno “sdraiarsi per terra e sulle panchine” o “bivaccare”.

leggi anche:

Così in strada, nelle piazze, sui marciapiedi, sotto i portici, nelle vicinanze degli edifici di valore storico e monumentale. La sanzione può variare dai 150 a 900 euro.

Vietati fumo, bere e bestemmie Chi ha voglia di fare due passi e accendersi una sigaretta in tranquillità, meglio stia alla larga dai giardini pubblici. Sarà vietato. «Riteniamo che sia un messaggio positivo da dare, a New York già lo fanno da dieci anni», rileva Roberti. Non è concesso neanche consumare alcol.

«Siamo stufi che i bimbi non possano giocare negli spazi verdi perché sono occupati da balordi che bevono, come avviene ad esempio in Rotonda del Boschetto, un posto frequentato da tossici». In entrambi i casi, la sanzione prevista va dai 100 ai 600 euro. Fino a 450 euro di multa, infine, per chi viene sorpreso a bestemmiare “o proferire turpiloquio” all’aperto.

leggi anche:

Lotta a vandali e prostituzione La sanzione per chi danneggia oggetti che si trovano nelle strade o nelle piazze, come i giochi per i bambini nei giardini o qualsiasi arredo urbano, è la stessa che viene comminata ai graffittari: 10mila euro, oltre alle spese di ripristino di quanto rotto. È la più pesante in assoluto. «Intendiamo punire severamente chi rovina le cose», osserva il vicesindaco.

«Compresi gli alberi di Natale in giro per la città», precisa il collega Piero Camber. Il regolamento non si ferma qui: nel mirino entra anche chi va a prostitute con l’automobile. “Divieto in tutto il territorio comunale di fermata dei veicoli finalizzata a contrattare o concordare prestazioni sessuali”, si legge nel testo. Le sanzioni in quest’ultimo caso? Da 250 a 1.500 euro.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista