Quotidiani locali

Pietas Julia in festa per i 130 anni

Alle 15 brindisi a Sistiana. Venerdì il via alla regata celebrativa sino a Pola e ritorno

DUINO AURISINA. Domenica di gran festa oggi a Sistiana, nella sede della Pietas Julia, per l’inizio delle celebrazioni dei 130 anni di vita della gloriosa società nautica, che culmineranno con la regata lunga 130 miglia, da Trieste a Pola e ritorno, in programma nel prossimo fine settimana. Oggi l’appuntamento è per i soci e i simpatizzanti, che si ritroveranno per dare l’avvio con un brindisi bene augurante all’intensa serie di manifestazioni previsto per tutto il mese. Si inizierà alle 15.

La Pietas Julia fu fondata a Pola nell’agosto del 1886 «e proprio in quella città, il cui antico nome latino è Pietas Julia - ha spiegato il presidente Gianfranco Zotta - farà tappa la regata celebrativa. Potranno partecipare tutte le classi - ha aggiunto - e sappiamo di un interesse notevole di club e associazioni di altre province. Visto il rilievo dell’appuntamento - ha proseguito il presidente - abbiamo chiesto e ottenuto il patrocinio di Regione, Provincia e Comune di Duino Aurisina». Oltre alla regata, le cui premiazioni si svolgeranno sabato 28 maggio, sarà pubblicato un libro rievocativo sulla storia del club. La regata si disputerà sulla rotta Sistiana - scoglio Porer, a 1,5 miglia a sud ovest della punta estrema dell’Istria, cioè punta Kamenjak, in terra croata, e ritorno a Sistiana, con arrivo davanti al porto. Venerdì, alle 17, la consegna dei gadget, si potrà ritirare il Gps localizzatore e si farà il punto sulle previsioni meteo. Alle 19 la partenza. Le iscrizioni si chiuderanno alle 15 di giovedì.

La Pietas Julia è l’unica società nautica ad aver svolto ininterrottamente la propria attività, se si esclude una forzata interruzione durata tre anni quando, nel 1915, l’Italia entrò in guerra contro l’Austria e l’Ungheria. Appena concluso il conflitto, i vecchi soci si impegnarono per ripartire. Nel 1947, finita la guerra, la Società dovette lasciare la città. Ne seguirono giorni confusi e drammatici, ma la

Pietas Julia poté riprendere la sua attività, quello stesso anno, al Lido di Panzano, a Monfalcone. Nel 1960, con il favore del principe Raimondo di Torre e Tasso, si trasferì nella baia di Sistiana, ospite in un’ala del vecchio albergo di proprietà del Principe.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro