Quotidiani locali

trieste

La città “riparte” ma resta l’allerta gelo

Le vie principali e gran parte delle secondarie percorribili già da ieri. Chiuso l’ultimo tratto di Scala Santa. Due incidenti sulla Grande viabilità

TRIESTE La Protezione civile di Trieste, questa mattina, non segnala nessuna criticità, situazione regolare ovunque. Così, dopo due giorni di maltempo con neve e raffiche di bora che hanno raggiunto punte di 112 chilometri orari, la città ritorna alla normalità. Sia sul fronte delle temperature, che dovrebbero stabilizzarsi attorno ai 5 gradi di media, sia su quello della viabilità. Tutte le arterie principali della città e gran parte delle vie secondarie sono percorribili sia in automobile che in autobus. Ma permane l’allerta gelo.

È sempre la Protezione civile a segnalare, con una nota ufficiale diramata dall’assessore regionale competente Paolo Panontin, la possibile formazione di strati di ghiaccio in strada. Un rischio, confermato pure dagli esperti dell’Arpa-Osmer, presente già da ieri notte quando la colonnina di mercurio è tornata a scendere sotto lo zero. Così sarà pure per i prossimi giorni. Le aree più pericolose sono il Carso e quelle più periferiche del capoluogo. Tutte zone ampiamente battute dai mezzi spargisale dell’AcegasApsAmga, dove però non si possono escludere altri disagi.

Le raccomandazioni, per chi si muove in auto, sono sempre le stesse: viaggiare lentamente e con particolare cautela. Problemi che, al momento, appaiono comunque complessivamente contenuti in città. Gli unici punti critici rimangono ancora la parte alta di Scala Santa, ancora chiusa a tarda ora dall’altezza del civico 190 verso l’Obelisco, alcune vie laterali di Strada per Longera e via Forlanini nonché, tra Altura e Cattinara, di via Alpi Giulie e via Montasio. Il resto è accessibile, assicura la polizia municipale.

La stessa Grande viabilità, interessata ieri in entrambe le direzioni da un doppio incidente nel tratto compreso tra molo Settimo e zona industriale, con inevitabili rallentamenti al traffico, risulta agibile dal primo pomeriggio ieri. Percorribile pure via Commerciale e l’intero altipiano.

Richieste di intervento, per alcuni tratti ghiacciati, a Padriciano e Trebiciano. Una quindicina, in città, le chiamate ai vigili del fuoco per alberi pericolanti, caduta intonaci e auto bloccate. Sacchi di sale sono a disposizione dei cittadini in una settantina di vie di vari rioni del capoluogo. Un provvedimento, questo, che rientra nel “piano neve” del municipio.

Anche gli autobus hanno ripreso regolarmente il loro servizio: funzionano tutti i percorsi di linea della Trieste Trasporti, dopo alcune limitazioni provocate dai tratti stradali più pericolosi. In misura preventiva il Comune ha deciso di vietare l’accesso al parco di Villa Revoltella, che sarà subito riaperto non appena la situazione sarà totalmente normalizzata. L’ingresso pedonale alla chiesa è comunque garantito dal cancello di via Marchesetti, attraverso un percorso segnalato ad hoc.

Trieste, si "pattina" in via Romagna Una lastra di ghiaccio: così si è presentata via Romagna, stamattina. Difficile davvero stare in piedi senza "rischi" sia per i due che per i quattrozampe come potete vedere nel video di Andrea Lasorte. TUTTI GLI ARTICOLI

In questi giorni l’Acegas ha lavorato a pieno ritmo. Fra sabato, domenica e la mattinata di ieri sono state sparse sulle strade oltre 250 tonnellate di sale dai 15 mezzi messi in campo per arginare i disagi del maltempo. Nella sola giornata di domenica i camion dell’ex municipalizzata hanno percorso circa 1.500 chilometri. A ciò si è aggiunta l’attività di salatura manuale per la pulizia dei marciapiedi.

Ieri, in particolare, l’attività si è concentrata sul Carso, per complessivi 500-600 chilometri ulteriori di intervento, a cui andranno sommati i chilometri dei mezzi spargisale di “prevenzione” che hanno circolato senza mai fermarsi nel resto della giornata.

Trieste, la nevicata notturna. Con sorpresa finale Quattro brevi spezzoni inviati al giornale dai lettori Daniele Ultimo (i primi due) e Max Mannucci (gli ultimi), documentano la nevicata notturna sull'altipiano carsico. Alla fine c'è chi è anche molto felice di tutta quella "coperta" bianca così fresca... TUTTO SULLA NEVICATA

Una sessantina gli operatori al lavoro, con lo specifico compito di agire sulle aree pedonali: marciapiedi e parte delle vie non raggiungibili dai mezzi, di cui buona parte concentrati tra l’altipiano e Cattinara. In caso di ulteriori peggioramenti climatici, che però non sono previsti, l’Acegas è in grado di disporre anche degli addetti abitualmente impiegati per la raccolta rifiuti, per un totale di ottantacinque uomini.

Al momento il quadro appare dunque tutto sommato «sotto controllo», «nella normalità», confermano dalla centrale operativa della polizia locale. Consigliando tuttavia ancora una volta «cautela e attenzione» a chi si sposta in automobile soprattutto tra Carso e periferia.

 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.