Quotidiani locali

bilancio

La presidente del Fvg Serracchiani: "Il 2015 l'anno della svolta". Ed esclude rimpasti

Nella conferenza stampa di fine anno la governatrice ha parlato della Regione come di "un modello per tutto il Paese, sia per tante riforme approvate in questi anni, sia per i tempi". Escluso un rimpasto in giunta

TRIESTE «Un lavoro necessario per modernizzare un sistema che andava riadattato alle nuove sfide»: così Debora Serracchiani, presidente del Friuli Venezia Giulia, ha definito il lavoro suo e della Giunta regionale nel 2015, definito l'"anno della svolta", nella conferenza stampa di fine anno a villa Manin di Passariano.

«Siamo riusciti a portare avanti con grande impegno le riforme e siamo riusciti a riordinare tanti sistemi: penso alla cultura, agli impianti sportivi ad altri. Penso infine a tutto il lavoro fatto dagli assessori per riordinare un sistema che andata adattato alle nuove sfide. Il 2015 - ha concluso Serracchiani - è stato l'anno della svolta».

«La regione Friuli Venezia Giulia sul tema delle riforme ha giocato all'attacco. Posso dire che siamo un modello per tutto il Paese. Questo - ha sottolineato - sia per tante riforme approvate in questi anni, sia per i tempi, terreno sul quale abbiamo addirittura fatto meglio del Governo. In particolare - ha spiegato Serracchiani - sulla rassegnazione delle competenze tra Regione e Province, la nascita dell'Agenzia per il lavoro, la stabilizzazione dei precari e la riassegnazione alla Regione di competenze importanti che ci permettono ora di andare avanti in settori estremamente delicati. Questo lavoro è stato fatto a Roma - ha concluso - ma in modo particolare sul territorio attraverso le riforme».

«La nostra specialità - ha poi precisato lo governatrice - non corre rischi» e «la città metropolitana non esiste nella riforma prevista dal Parlamento. Lo dico a quanti non si fossero accorti. Per noi contano solo i fatti». «Posso dire che parlano solo i fatti. Abbiamo appena passato alla Camera e al Senato una riforma costituzionale che salvaguarda la nostra autonomia e che non prevede assolutamente accorpamenti tra regioni», ha detto.

«La città metropolitana non c'è - ha aggiunto Serracchiani - è la notizia che vorrei dare a chi non se n'è accorto. La città metropolitana è una facoltà che è prevista sia dalla legge regionale sia dalla recente legge riformata nel passaggio

dalla Camera al Senato, ma è una facoltà. E mi pare che il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia - ha concluso Serracchiani - si sia già espresso a suo tempo».

Rispondendo alle domande dei giornalisti, infine, Serracchiani ha escluso qualsiasi rimpasto in giunta regionale.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I VINCITORI DEL CONTEST

ilmioesordio, quando il talento ti sorprende