Quotidiani locali

Tappeto di meduse sotto il molo Audace Gli esperti: è normale

Segnalata la loro presenza anche in Sacchetta. Del Negro (Ogs): portate dal moto ondoso e favorite dal clima mite

Un tappeto di meduse in golfo è stato segnalato in questi giorni. Soprattutto in Sacchetta e in prossimità del molo Audace. Non è un allarme, ma poco ci manca. Certo è che uno dei tanti segnali dell’aumento della temperatura delle acque. Un lento inesorabile cambiamento climatico che è in corso da qualche anno. Dice Paola Del Negro, ricercatrice del dipartimento di oceanografia dell’Ogs: «In generale c’è un incremento delle presenze di questi organismi gelatinosi». Poi, con assoluto rigore scientifico, conferma: «Si sono accumulate in Sacchetta per una questione di moto ondoso, sono insomma state spinte dalle correnti».

Due le specie segnalate. Si tratta della Aurelia aurita, un tipo di medusa dai piccoli tentacoli e dall’ombrello su cui si nota una sorta di quadrifoglio (sono le gonadi): in ogni caso, una specie per nulla urticante.

Il ritorno nel segno dell'abbondanza di questi esemplari, quello registrato dagli esperti già nelle scorse settimane: ma non si tratta di un un fatto inedito considerata la ciclicità che caratterizza gli spostamenti delle varie tipologie di questi organismi proprio in primavera. Dobbiamo tener conto che l’inverno è stato particolarmente mite. La primavera sembra essere scoppiata da tempo.

Ma in golfo è stata segnalata non solo l’Aurelia aurita, ma anche la Rhizostoma Pulmo riguardo la quale nei mesi scorsi è anche stata anche ipotizzata nel nostro golfo una zona di riproduzione. Questa seconda specie è conosciuta con l’appellativo di «Botta marina».

Un’influenza a quanto sta succedendo l’ha come detto il clima. «Per ora la situazione è sotto controllo - rassicura Del Negro - ma in generale comunque la tendenza è quella di un aumento delle quantità di meduse in mare. Il trend è in crescita».

Secondo gli esperti la permanenza a un certo livello di questi organismi gelatinosi perdura fino al riscaldamento della temperatura dell’cqua in estate. A quel punto se ne vanno, cercando punti più freschi.

Ma c’è un altro dato interessante. Anche nel golfo di Trieste in questi ultimi giorni sono state notate meduse di tutte le dimensioni, significa che ve sono molti esemplari nei più diversi stadi di età.

Secondo una credenza popolare la presenza di medusa era ben vista, significa che l’acqua era pulita, secondo gli scienziati invece il loro moltiplicarsi è una spia pericolosa: il pesce si sta drasticamente riducendo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia Il Piccolo
e ascolta la musica con Deezer.3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.