Menu

Luka Koper allunga il terminal container

Al via la prima tranche di lavori da 10 milioni di euro. Si punta ad aumentare di un terzo la capacità del molo entro il 2018

CAPODISTRIA. Inizieranno a Capodanno, i lavori di ammodernamento e prolungamento del molo contenitori del Porto di Capodistria, intervento che alla Luka Koper dovrebbe permettere di manipolare, entro la fine del decennio, fino a 1 milione di Teu all'anno, rispetto agli attuali 600mila. La direzione del Porto ha comunicato nei giorni scorsi che è stata già avviata la costruzione di un nuovo spazio magazzino, di 6.840 metri quadrati, spazio che rientra nell'intero progetto di prolungamento del Molo 1 (il molo contenitori), mentre la sistemazione dei piloni di fondazione per la struttura inizierà tra pochi giorni. Questa fase dei lavori dovrebbe concludersi in agosto, mentre il prolungamento del molo per altri cento metri dovrebbe essere concluso entro il 2018. La prima fase dell'intervento costerà 10,2 milioni di euro, il costo complessivo del prolungamento del molo è stimato in 78 milioni di euro. Nei prossimi mesi, pertanto, il porto di Capodistria sarà un grande cantiere, e non è escluso qualche disagio per la cittadinanza, vista la natura dei lavori. Solo la sistemazione dei piloni di fondazione (ben 273) durerà 5 mesi. Sulla nuova superficie operativa, che farà di fatto parte dell'intera struttura del nuovo, prolungato Molo 1, ci sarà spazio per 672 contenitori.

Il prolungamento del molo consentirà alla Luka Koper di aumentare le proprie capacità di un terzo. Il progetto sarà finanziato in parte anche dai fondi europei nell'ambito del programma Ten–T (Rete transeuropea di trasporti). Oltre che intervenire sulla lunghezza del molo, il Porto di Capodistria, insieme allo scalo di Venezia, si candida per ottenere fondi europei per il dragaggio del canale d'accesso al bacino 1 del porto. La profondità delle acque sarà portata ai 15 metri, e questo, oltre ad aumentare la sicurezza consentirà l'arrivo di navi più grandi. In questo momento, a Capodistria non possono arrivare navi con portata superiore ai 7mila Teu. Alla Luka Koper, comunque, sono consapevoli che intervenire sulle infrastrutture portuali non è sufficiente, e che si dovrà procedere quanto prima anche al raddoppio della tratta ferroviaria Capodistria–Divaccia. Che le ambizioni di Capodistria siano grandi lo testimonia anche il fatto che il presidente del Consiglio d'amministrazione della Luka Koper, Gašpar Gašpar Miši›, e il sindaco Boris Popovi„ si trovano in questi giorni in Cina per una serie di contatti con operatori

del settore logistico. A Shangai e Hong Kong sono previsti anche incontri con potenziali investitori nel porto di Capodistria e nell'infrastruttura ferroviaria, nonchè un incontro con le autorità di Ningbo, città portuale interessata a collaborare con Capodistria.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro