Quotidiani locali

Weekend con mini-olimpiade Alpe Adria

Sabato e domenica il torneo “Gorizia in quattro lingue” con rappresentative italiane, austriache e slovene

Per un fine settimana Gorizia torna al centro dell’area Alpe Adria. Sabato e domenica il capoluogo isontino ospiterà il nuovo Torneo “Gorizia in quattro lingue” (italiano, tedesco, sloveno e friulano). L’idea è nata all’indomani dei successi ottenuti dalla spedizione cittadina a Klagenfurt in occasione degli United World Games. La manifestazione carinziana in pochi anni è cresciuta attirando migliaia di giovani atleti. L’atmosfera di quella mini-olimpiade ha stregato Franco Hassek e i dirigenti di Ardita, Progetto Millennium e Audax Sanrocchese che hanno deciso di invitare a Gorizia le rappresentative di Klagenfurt, Nova Gorica, Capodistria e Udine. L’intenzione è creare un mix tra sport, cultura e turismo. Il quartier generale sarà lo Stadio Baiamonti - dove si disputeranno le partite di calcio -, ma a disposizione ci saranno anche il PalaBigot (basket e pallavolo) e il PalaBrumatti (basket). Tra un match e l’altro, gli ospiti e i loro accompagnatori saranno guidati alla scoperta dei luoghi della Grande guerra e alla scoperta dei sapori del Collio e del Carso. «Tutto nasce da un’esperienza che ci è rimasta nel cuore», ha assicurato il presidente del Progetto Millennium Ascanio Cosma nel corso della presentazione organizzata ieri mattina in municipio. Cosma ha ricordato che a Klagenfurt la rappresentativa goriziana aveva dormito in una palestra e che se anche all’inizio quella sistemazione sembrava scomoda, «in realtà si è rivelata un valore aggiunto» perché ha permesso ai partecipanti di conoscersi. “Per noi questo è l’anno zero”, ha sottolineato il consigliere comunale con delega ai rapporti con Klagenfurt Franco Hassek sperando di poter crescere già il prossimo anno. Da parte sua, il sindaco Ettore Romoli ha evidenziato come la partecipazione al meeting carinziano abbia dato agli atleti goriziani la possibilità di confrontarsi a livello internazionale e di stringere nuove amicizie: «Può sembrare la solita retorica, ma è la verità», ha precisato il primo cittadino. Con Romoli a rappresentare la giunta comunale c’erano gli assessori Alessandro Vascotto e Guido Germano Pettarin. Quest’ultimo - in veste anche di presidente regionale della Fidal - ha proposto di legare il Torneo delle quattro lingue al “Mennea day”, in programma giovedì alla Campagnuzza, istituendo un premio alla memoria del campione azzurro recentemente scomparso.

Stefano Bizzi

Trova Cinema

Tutti i cinema »

In edicola

Sfoglia il Piccolo
su tutti i tuoi
schermi digitali. Il primo mese è gratis.

Abbonati Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana