Quotidiani locali

E la soprintendente se ne va con le chiavi

A Palazzo Economo colleghi e dipendenti mezz’ora in strada. Parte la protesta ai superiori

Ore sette e tre quarti del mattino. Un gruppetto scalpitante di persone vuole entrare a lavorare, ma non può. Manca la chiave per entrare negli uffici. Parte la caccia a chi ha messo in tasca quella chiave. E subito dopo anche la lettera di ufficiale protesta di un dirigente al suo superiore. Che si vede obbligato a stilare un ordine di servizio affinché i custodi (che si dividono fra più compiti, essendo pochissimi) restino i detentori delle serrature, anche per ragioni di sicurezza.

È accaduto alla Soprintendenza di palazzo Economo. Dove il famoso “ultimo che esce chiuda la porta” ha anche obblighi di rendere reperibile la chiave e di attivare gli allarmi. Ma la sera precedente qualcuno si era attardato al tavolo di lavoro, a smaltire pratiche. Da solo. E andandosene, ben oltre l’orario stabilito, aveva chiuso il portone e s’era messo la famosa chiave semplicemente in borsa.

La mattina dopo, in quella mezz’ora passata in strada, i dipendenti della Soprintendenza hanno ricostruito. La chiave era in possesso del nuovo soprintendente ai Beni architettonici, Maria Giulia Picchione. Che è stata raggiunta da una telefonata urgente in albergo, e si è precipitata in piazza Libertà.

«È vero, tutti gli uffici erano chiusi a chiave - conferma il soprintendente Luca Caburlotto -, e questa è cosa grave perché si è mancato all’osservanza di un preciso protocollo. La soprintendente, che è così ligia alle regole, alle leggi e ai codici, dovrebbe prima di tutto osservarli lei stessa». E così Caburlotto, soprintendente ai Beni storici e artistici, da sempre in lotta per la carenza di personale, ha dapprima interpellato la Prefettura, e di seguito inviato una lettera al direttore regionale dei Beni culturali, Giangiacomo Martines, esprimendo profonda preoccupazione e “vivo sconcerto” per quanto accaduto, poiché le chiavi erano state «arbitrariamente trattenute impedendo l’ingresso ai dipendenti e non osservando le regole di sicurezza».

Martines ha stilato allora un calendario di presenze dei custodi da mattina a sera, tenendo conto delle ferie estive e del fatto che appunto i custodi vengono anche impiegati negli uffici, per ragioni di organico. Sono nove, ma meno della metà “custodiscono” e basta. E secondo Caburlotto «dovrebbero essere tutti al castello di Miramare, invece vengono dirottati a palazzo Economo».

Il castello, si sa, rischia (come già avvenuto in alcuni importanti musei statali nel resto d’Italia) di non poter più assicurare le aperture domenicali, perché i dipendenti essendo pochi superano prima della fine dell’anno i limiti d’impiego nei giorni festivi e in orario notturno. Tema all’ordine del giorno, che la chiave scomparsa ha solo acuito. (g. z.)

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia Il Piccolo
e porta il cinema a casa tua!3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.