Quotidiani locali

A San Floriano l’Adsl un miraggio

Collegamenti in Rete difficili anche in località del Cormonese e sul Carso

CORMONS. Accessi a internet problematici, linea che va e che viene, salti mortali dei Comuni per garantire ai cittadini la navigazione virtuale in Rete, turisti alla disperata ricerca di un luogo dove connettersi. Il tutto, nell’annus Domini 2012, ossia nell’era della cibernetica, delle webcam e della comunicazione in tempo reale con ogni angolo del globo. Disagi che colpiscono forse sperdute popolazioni dell’Amazzonia o remote isole del Pacifico? No, disguidi che avvengono nel civilissimo Isontino, terra ricca di storia ed eccellenze, ma con evidenti “buchi neri” nell’ambito del collegamento a internet.

In alcuni paesi solo la cocciutaggine di alcune amministrazioni comunali ha dato qualche risposta a problemi che paiono insormontabili. E i casi sono diversi. A Cormons, a esempio, sono diverse le aree servite poco o addirittura niente dal servizio di internet veloce. Come a esempio le località Fornaci e Bosc di Sot. «In quelle aree ci sono poche abitazioni e per il gestore c’è scarso interesse a rifornirle di servizi rapidi – allarga le braccia il vicesindaco Alessandro Pesaola –, le aziende si premuniscono da sé navigando con delle chiavette. Certo, il problema esiste, come c’era anche nella frazione di Borgnano, dove però siamo riusciti tramite Ajarnet a coprire la zona dando un servizio di internet veloce almeno a una trentina di famiglie che erano mal raggiunte dal segnale».

Anche a Dolegna, comune di meno di 400 abitanti, il problema non è stato superato del tutto. «Oggi possiamo dire che il 95% del territorio comunale, grazie a un accordo stipulato con un’azienda privata, sia coperto da un segnale wi-max, simile a quello wi-fi – spiega il sindaco Diego Bernardis –, la ditta ha semplicemente potenziato il raggio d’azione di alcuni ripetitori posti a Tarcento e Purgessimo, e ora sta sottoscrivendo dei contratti a famiglie dolegnesi che sinora erano sguarnite di servizio. Rimangono ancora alcune zone incastonate tra le colline non raggiunte dal segnale, ma cercheremo di creare dei ponti-internet. Ma Regione e Provincia, dopo tante promesse, sono totalmente latitanti: ce la siamo dovuta cavare da soli».

A San Floriano invece la linea Adsl non c'è ancora nè ci sarà mai. Troppo complesso e oneroso portare fin in cima al Collio, la fibra ottica. Così per ottenere la banda larga ci vorrebbero altre soluzioni, accordi con imprese private che però il Comune può attuare solo con un largo consenso da parte della cittadinanza che al momento però pare mancare. «Lo deduciamo – spiega il sindaco Franka Padovan - dagli incontri organizzati per parlare del problema: non c'è mai stata una grande partecipazione». La soluzione l'hanno trovata, invece, a Savogna, ed è proprio quella di collocare delle antenne in grado di garantire il collegamento wireless, ovvero senza fili, a internet veloce. È stato possibile proprio per l'interesse manifestato dagli abitanti. Così il centro del paese è già coperto dal servizio, mentre restano ancora da servire parti delle frazioni, specialmente quelle sul Carso. Qui l'isolamento è maggiore. Perchè, anche a due passi dalla modernità, ci sono ancora luoghi affascinanti e nascosti, dove sembra di tornare indietro nel tempo.

Matteo Femia

Marco Bisiach

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia il Piccolo
su tutti i tuoi
schermi digitali. 2 mesi a soli 14,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana