Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il volume da domani assieme a “Il Piccolo”

In occasione del Giorno del Ricordo, da domani nelle edicole assieme a “Il Piccolo” i lettori potranno acquistare al prezzo di 9,50 euro più il giornale il libro di Corrado Belci "Quei giorni di Pola"...

In occasione del Giorno del Ricordo, da domani nelle edicole assieme a “Il Piccolo” i lettori potranno acquistare al prezzo di 9,50 euro più il giornale il libro di Corrado Belci "Quei giorni di Pola" (Edizioni Leg). Il libro di Belci è ormai un classico della letteratura dell’esodo. Di fronte a una memoria che sembra aver cancellato la città di Pola, l’autore si ribella: esige di restituire vita, tempo e spazio ai personaggi, agli eventi, alle cose. Così l’assurdo irrompe nel preambolo al racconto, annunciandosi come seme di una metafora che dichiara l’assenza di una “logica” nella Storia. Per Corrado Belci, l’urgenza è il recupero della sua esperienza vissuta a Pola, la “città scomparsa”, dai primi anni Trenta del Novecento sino al tumultuoso biennio postbellico. Il risultato è la narrazione passionale di una voce pacata, un crescendo che, dall’elegia dell’infanzia, trascorre all’epica dell’impegno politico, fino all’inevitabilità tragica dell’esodo istriano: la millenaria Pola non sarà salvata dall’iniquità della Storia. Libro di riconciliazione della memoria con i luoghi della giovinezza, “Quei giorni di Pola” come osserva Arrigo Levi nella prefazione, è anche la storia “di come un ragazzo diventa un uomo”, un viaggio e un apprendistato sentimentali che ne fanno un prezioso unicum nella letteratura di confine. Corrado Belci (Dignano d’Istria, 1926 - Trieste, 2011), giornalista, parlamentare, ha diretto il quotidiano della Dc “Il Popolo”, ha presieduto il Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico di Duino (Trieste), ha pubblicato, tra l’altro, Trieste, memorie di 30 anni (Morcelliana, 1991), Il libro della Bora, (Lint, 2003).