Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Con le candele alla Marcia della pace

Un momento della marcia della pace nelle scorse edizioni

L’iniziativa del Comitato “Danilo Dolci”. Messa con il vescovo

TRIESTE Insieme per le strade di Trieste “armati” di una semplice candela, manifestando per la pace e i valori dell’accoglienza. In occasione del 70° anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione italiana e soprattutto in ossequio alla 51° Giornata mondiale per la pace istituita da Paolo VI, il Comitato pace convivenza e solidarietà “Danilo Dolci” organizza la tradizionale marcia per la pace di inizio anno, in programma lunedì, con partenza alle 16 da piazza Unità e approdo attorno ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

TRIESTE Insieme per le strade di Trieste “armati” di una semplice candela, manifestando per la pace e i valori dell’accoglienza. In occasione del 70° anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione italiana e soprattutto in ossequio alla 51° Giornata mondiale per la pace istituita da Paolo VI, il Comitato pace convivenza e solidarietà “Danilo Dolci” organizza la tradizionale marcia per la pace di inizio anno, in programma lunedì, con partenza alle 16 da piazza Unità e approdo attorno alle 18 in piazza Sant’Antonio, teatro della messa celebrata dal vescovo di Trieste Giampaolo Crepaldi.

Definita dagli organizzatori un momento pubblico di “testimonianza laica”, la manifestazione del 1° gennaio si avvale del coinvolgimento di varie sigle associazionistiche della provincia, anche di lingua slovena, e si lega per l’occasione al recente messaggio di papa Francesco intitolato “Migranti e rifugiati-Uomini e donne in cerca di pace” con cui il pontefice ha voluto (ri)porre l’attenzione su una delle maggiori problematiche sociali, tema che chiama a raccolta fedeli e non, da impegnare in una tavolozza di spunti, quattro per la precisione, come l’ospitalità, l’opposizione alla schiavitù, l’integrazione e la promozione dello sviluppo umano.

In tale ottica sociale, la Marcia della pace proverà a regalare la sua vicinanza ma senza scordare nel contempo l’altro riferimento scelto, quello che parla dell’anniversario della Costituzione italiana, entrata in vigore settant’anni fa, nel gennaio del 1948. Il raduno dei pellegrini della pace è fissato alle 15.30, con invito a munirsi ognuno del simbolo per eccellenza, una candela bianca. (fr. ca.)