Quotidiani locali

retrospettiva dal 20 al 24 novembre  

Al regista e sceneggiatore Mario Brenta va il premio Darko Bratina 2017

Sono vent’anni dalla morte di Darko Bratina, 75 dalla sua nascita e 40 dalla nascita del Kinoatelje, da lui fondato. Diretto ora da Mateja Zorn, il Kinoatelje dà vita alla 18° edizione del Premio...

Sono vent’anni dalla morte di Darko Bratina, 75 dalla sua nascita e 40 dalla nascita del Kinoatelje, da lui fondato. Diretto ora da Mateja Zorn, il Kinoatelje dà vita alla 18° edizione del Premio dedicato al politico, intellettuale e appassionato cinefilo goriziano. Vincitore del “Premio Darko Bratina. Omaggio a una visione” è il regista e sceneggiatore Mario Brenta, autore di tre lungometraggi: “Vermisat”, “Maicol” e “Barnabo delle montagne”, tratto dall’omonimo romanzo di Dino Buzzati. A Brenta, anche autore di più documentari d’osservazione, già collaboratore di Ermanno Olmi (con il quale ha fondato la scuola Ipotesi Cinema) nonchè docente di teorie e tecniche del linguaggio cinematografico all’università di Padova, sarà dedicata una retrospettiva dal 24 al 30 novembre a Gorizia, Nova Gorica, Trieste, Isola, San Pietro al Natisone, Udine e Lubiana; potremo così assistere a proiezioni, convegni e masterclass sulla sua figura.

La scelta è caduta su Brenta anche alla luce della conoscenza con Bratina, incontrato per la prima volta a Gorizia agli inizi degli anni ‘90 in occasione di una breve retrospettiva dedicata al regista proprio dal Kinoatelje (di cui Bratina era allora presidente).

Ieri, al goriziano Trgovski dom, per la presentazione dell’edizione 2017 del Premio, è stata ricordata la figura di Bratina da parte di Mateja Zorn, dei sociologi Moreno Zago e Nicola Strizzolo (rispettivamente degli atenei di Trieste e Udine), di Livio Semolič, presidente dell'associazione Darko Bratina e segretario regionale dell’Skgz.

Dopodomani, inoltre, alla Fondazione Carigo dalle 9 è previsto un convegno sul tema “La visione di Darko Bratina tra società e politica” (che nel pomeriggio proseguirà al Kinemax di Gorizia): sarà moderato dal presidente dell’Ordine regionale dei giornalisti Cristiano Degano e vedrà la partecipazione dei sindaci di Gorizia e Nova Gorica, Rodolfo Ziberna e Matej Arčon, dell’assessore Loredana Panariti, dei deputati Tamara Blažina, Giorgio Brandolin e Francesco Russo, e di altri relatori.

Non è tutto. Prima della settimana dedicata a Mario Brenta, sarà dato spazio al regista ceco Miroslav Janek, insignito nel 2010
del Premio. In particolare, giovedì 9 novembre, alle 20.30, al Kinemax, Janek presenterà “Normal autistic film”, il suo ultimo film che sarà proiettato anche il giorno successivo alle 20 all’Istituto per la cultura slovena di San Pietro al Natisone.

Alex Pessotto



TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista