Quotidiani locali

rassegna 

Gli Spiriti di Carlos Ruiz Zafòn aprono oggi la grande festa di Pordenonelegge

Oltre 500 autori italiani e internazionali, 313 eventi in una quarantina di location del centro storico cittadino, più di 40 anteprime, un migliaio di operatori editoriali e 220 «angeli», giovani...

Oltre 500 autori italiani e internazionali, 313 eventi in una quarantina di location del centro storico cittadino, più di 40 anteprime, un migliaio di operatori editoriali e 220 «angeli», giovani volontari e guide: questi i numeri di Pordenonelegge, che si apre oggi e fino a domenica invaderà il capoluogo della Destra Tagliamento con libri e autori in un’autentica festa della lettura. Il festival avrà come suo testimonial inaugurale lo scrittore spagnolo Carlos Ruiz Zafòn che al Teatro Verdi sarà intervistato dal giornalista Edoardo Vigna intorno al «Labirinto degli Spiriti», l’ultima e monumentale opera. Tra i grandi nomi della prima giornata di Pordenonelegge spiccano anche Marcello Fois, l'economista Jean-Paul Fitoussi, la vincitrice del Premio Campiello, Donatella Di Pietrantonio, Corrado Augias e Luciano Canfora.

Il festival aprirà dunque con uno degli ospiti più attesi, Carlos Ruiz Zafòn, best seller con la Tetralogia di Barcellona, che al Teatro Verdi, alle 18.30, racconterà la trama del suo ultimo romanzo fatto di passioni, intrighi e avventure.

Sono una ventina le proposte del primo matineé di Pordenonelegge formato Junior e Millennials: il festival rinnova la sua attenzione per i lettori più giovani con un “festival parallelo” incastonato in quello principale e propone una sequenza di appuntamenti con autori come Sonia Marialuce Possentini impegnata insieme a Lorenzo Tozzi ne “L’alfabeto dei sentimenti”, Igiaba Scego in dialogo con Elisabetta Pieretto e altri.

Fra i molti appuntamenti, alle 17, nello spazio Incontri riflettori su Simone Cristicchi, e sul suo incredibile racconto di David Lazzaretti, il Cristo dell’Amiata, il mistico ed eretico che all'alba delle prime pulsioni repubblicane in Europa fondò la Chiesa giurisdavidica. Alle 21 nel Convento di San Francesco, la serata sarà dedicata al recentissimo Premio Campiello e alla sua vincitrice,
Donatella Di Pietrantonio, in dialogo con Lorenzo Tomasin, componente della Giuria dei letterati e Andrea Tomat, presidente del comitato di gestione del Premio. Al centro del confronto il suo libro, “L’Arminuta”, di cui l’autrice ha appena annunciato un possibile seguito.



TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista