Quotidiani locali

trieste

Focus sulla Medicina per la nuova stagione al Circolo della stampa

Lunedì 11 settembre parte la stagione autunnale. Il primo incontro, in programma alle 17.30, è dedicato a Loris Premuda

TRIESTE Doppio appuntamento dedicato alla Medicina, per il Circolo della stampa che apre lunedì 11 settembre la nuova stagione autunnale. Il primo incontro, in programma alle 17.30, è dedicato al celebre storico della medicina, il triestino Loris Premuda.

Quest’anno ricorre infatti il centenario dalla sua nascita e per l’occasione il "Conservatorio di Storia Medica e Sanitaria Alto Adriatica" gli dedica un seminario, in programma nella sala Paolo Alessi, al primo piano della sede del Circolo, in corso Italia 13. Premuda nasce a Montona il 4 gennaio 1917, e l’anno successivo si trasferisce con la famiglia a Trieste. Laureatosi a Padova nel 1942, la sua carriera di medico si svolge in varie città d’Italia. Specializzato in Pneumologia, Medicina legale e Igiene e Profilassi, nel 1952 decide di dedicarsi alla Storia della medicina. Scrive oltre 400 pubblicazioni e una trentina di volumi, tra i quali spicca la Storia della Medicina in formato tascabile.

Come docente universitario, rimane sempre critico verso l’utilizzo sfrenato della tecnologia spersonalizzante che, a suo avviso, non autorizza la classe medica a trascurare la visita diretta del paziente. Esorta inoltre a non scordare la potenza della forza guaritrice insita in ciascun individuo e promuove il dialogo col paziente. Al convegno odierno, dopo l’introduzione del presidente del Circolo, Pierluigi Sabatti, sarà proposto un filmato realizzato da Noemi Premuda, “Un’intervista con mio padre”. Segue la relazione di un altro storico della medicina triestino, il professor Euro Ponte, su “Il docente, dall’Istria a Trieste a Padova”. Di seguito, il professor Maurizio Rippa Bonati - che oggi regge la cattedra del docente triestino - parlerà di “Loris Premuda, un professore asburgico a Padova”. A chiudere il seminario, il professor Mauro Melato con una relazione su “Il Conservatorio di Storia Medica e Sanitaria Alto Adriatica, in ricordo dell’insegnamento di Loris Premuda”. Durante i lavori saranno disponibili un annullo commemorativo e due cartoline postali con cui Poste italiane celebra l’anniversario dalla nascita del professore, inserendolo fra le “eccellenze italiane del sapere”.

Il secondo appuntamento che il Circolo della stampa di Trieste dedica alla medicina è in programma mercoledì, alle 17.30 sempre nella sala Paolo Alessi. Un approfondimento sulla depressione, patologia che ha colpito (dati dell’Organizzazione mondiale della sanità) 322 milioni di persone con un aumento del 20% negli ultimi dieci anni. Sempre secondo l’Oms, questa patologia sarà nel 2020 la seconda causa di disabilità nel mondo e nel 2030 addirittura la prima patologia cronica.

In tutto il pianeta si stima che 350 milioni di persone di tutte le età soffrano di depressione. Una patologia spesso nascosta, in aumento ma sottostimata, con costi umani e sociali enormi. Ma da cui è possibile guarire, a patto

che venga fatta una diagnosi corretta, come spiegherà al convegno il professor Maurizio De Vanna. Lo dimostrano i milioni di persone depresse trattate con successo grazie alle cure moderne, sia di tipo farmacologico che psicoterapeutico.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista