Quotidiani locali

Rhapsody e Pinkover al Rock Summer Festival 

Il gruppo di Alex Staropoli sarà al Castello di San Giusto, la tribute band al Teatro romano rifarà “Pink Floyd a Pompei”

TRIESTE. Qualche idea ma poche risorse economiche. Nasce su queste tracce la 14.a edizione del Rock Summer Festival, la manifestazione a cura dell'Associazione Musica Libera, organizzata con il sostegno della Fondazione CRTrieste e del Comune di Trieste, in programma quest'anno in due sedi (Teatro Romano e Castello di San Giusto) e spezzettata nell'arco di cinque serate: il 29 luglio e poi il 2, 3, 5 e 6 agosto. Il cartellone è ancora da ufficializzare ma non mancano le prime anticipazioni, nonostante il forte riserbo da parte dell'assessore Maurizio Bucci, “sponsor” istituzionale del festival. Una cosa è certa, mancheranno i nomi eccellenti e nel complesso non troverà spazio nemmeno una vera componente “progressive”, la matrice musicale che negli anni passati aveva dato tono e identità al festival, anche rovistando tra gli annali storici del genere esploso in Europa alla fine degli anni '60 e divampato nella prima metà dei '70.

L'edizione 2017 del festival proverà quindi a giocare in casa, cercando di allestire le nozze con i fatidici fichi secchi pescando nel mazzo del movimento rock locale, tra band tributo e altre realtà a tinte più “metal” che “prog”. Sfumano quindi i concerti di Steve Hackett e Branduardi, nomi ipotizzati sino a qualche mese fa, accantonata sul nascere la proposta vintage Il Rovescio della Medaglia. È confermata invece la data del ritorno dei Rhapsody of Fire, particolarmente efficaci dal vivo e di scena il 29 luglio a San Giusto, con la formazione costituita da Roberto de Micheli alla chitarra, Alessandro Sala al basso, Manu Lotter alla batteria e Alex Staropoli alle tastiere. Per quanto riguarda il ruolo da “front man”, la band propone Giacomo Voli e si tratta della prima uscita in chiave live del cantante giunto secondo alla edizione 2014 del talent show televisivo “The Voice”, spiazzato all'epoca solo dall'ugola e dalla tonaca di Suor Cristina.

Le altre date certe del Rock Summer Festival riguardano il 2 e 3 agosto e qui lo scenario è il Teatro Romano mentre i protagonisti saranno i triestini targati Pinkover, la band tributo dei Pink Floyd, impegnati per l'occasione nella riproposta delle tracce racchiuse nell'opera “Pink Floyd a Pompei” del 1972. Al seguito dei concerti dei Pinkover del prossimo agosto esiste anche una sorta di leggenda, maturata al termine del Summer Festival in Piazza Verdi dello scorso anno. L'idea originaria parlava del reclutamento di Nick Mason, il batterista dei Pink Floyd, un nome quindi storico da aggregare ai Pinkover per rendere ancor più probante la rievocazione in Teatro Romano. Un progetto sulla carta “fantastico” ma non certo impossibile (il batterista è infatti più dedito alle corse in auto d'epoca che alle sale di incisione) percorso tuttavia evaporato anch’esso, e non solo a causa delle scarse risorse economiche che quest'anno caratterizzano il festival.

Restano due date. Quella del 6 agosto dovrebbe essere ufficializzata nel corso della presentazione del 21 giugno. Si pensa a un concerto a tinte Jazz Rock, purtroppo non con il Perigeo, altro gruppo sondato dagli organizzatori ma scartato alla luce delle pretese economiche. Il 5 agosto è invece collegato al ricordo di Samuele Orlando, il giovane musicista scomparso nel marzo di quest'anno per una crisi respiratoria causata da un attacco epilettico. Samuele era colto, preparato, fondamentale nella organizzazione del Rock Summer Festival e soprattutto
molto amato all'interno del movimento musicale triestino e della regione. La serata del 5 agosto a San Giusto vuole celebrarlo nel migliore dei modi, attraverso la partecipazione di artisti e gruppi che con lui avevano condiviso palchi, sogni e progetti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare