Quotidiani locali

progetto

Venticinquemila euro al Circolo della cultura e delle arti per studiare le migrazioni

«Solo attraverso cultura e arte si possono superare i problemi che tutti abbiamo conosciuto e conosciamo» diceva Giani Stuparich, scrittore prima di tutto ma anche fondatore del Circolo della Cultura...

«Solo attraverso cultura e arte si possono superare i problemi che tutti abbiamo conosciuto e conosciamo» diceva Giani Stuparich, scrittore prima di tutto ma anche fondatore del Circolo della Cultura e delle Arti esattamente 70 anni fa. Chi oggi continua a portare avanti l'associazione, non sa ancora che documento finale ne verrà fuori, ma ha realizzato un progetto che parla di una delle tante questioni "del presente e forse del futuro": le migrazioni verso l'Europa e verso il nostro territorio.

È il progetto che si è qualificato al secondo posto al bando dell'assessorato regionale alla Cultura, guadagnandosi 25mila euro per approfondire la tematica attraverso le 11 discipline del Circolo, dalle Arti visive alle Relazioni internazionali e Integrazione europea alla Cinematografia, e 18 appuntamenti organizzati anche con protagonisti di vaglia internazionale durante tutto il 2017 a partire dal 23 maggio.

Lo hanno presentato ieri al Circolo della stampa, in presenza del padrone di casa Pierluigi Sabatti, il presidente del Cca Gianfranco Guarnieri, il giornalista Fulvio Gon, membro del direttivo, il direttore scientifico Cristina Benussi e Franco Rota, ex vicesegretario generale della Camera di commercio di Trieste e collaboratore del progetto. Attraverso un "approccio interdisciplinare", come tra gli obiettivi del bando, il Circolo affronterà la «complessa problematica, analizzandone i risvolti per la civile convivenza e ponendo in luce le opportunità positive che se ne possono trarre, anche in termini economici, grazie alla domanda di nuovi servizi e agli stimoli innovativi per l'industria culturale». Tutto ciò però mantenendo il circolo "politicamente indipendente".

Il programma coinvolge l'intera regione ma anche luoghi oltre confine, perché tra i partner compaiono la società Dante Alighieri, la Comunità degli Italiani di Fiume e la Comunità di Sant'Egidio. Mentre il Comune figura quale ente sostenitore, che metterà a disposizione per

tre giorni il salone del museo Revoltella per gli eventi di maggiore affluenza. L'ultimo appuntamento dell'anno sarà il momento della verifica dei risultati con una conferenza aperta e la presentazione finale: materiale che verrà messo a disposizione dei decisori pubblici.

Benedetta Moro

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

TORNA IL CONCORSO PIU' POPOLARE DEL WEB

Premio letterario ilmioesordio, invia il tuo libro