Quotidiani locali

Vai alla pagina su Triestina calcio
Triestina, le Coppe del Mondo per il Centenario

Triestina

CALCIO SERIE C

Triestina, le Coppe del Mondo per il Centenario

Dal 18 dicembre saranno esposte al Salone degli Incanti

TRIESTE. «I cento anni dell’Unione sono l’occasione per far sì che tutti facciano squadra attorno alla Triestina». Le parole di Milanese, applaudite dalle istituzioni (Comune e Regione rappresentata dall’assessore Pierpaolo Roberti) a Palazzo Gopcevich (la mostra fotografica è stata prorogata al 15 luglio), sintetizzano quello che deve essere lo spirito dei vari attori che si stanno prodigando per celebrare degnamente il centenario alabardato.

Il traguardo delle tante iniziative dopo un’incalzante marcia di avvicinamento è fissato per il 18 dicembre prossimo (il giorno del compleanno) fino al 2 febbraio (data della nascita ufficiale con l’affiliazione). In quel giorno aprirà al Salone degli Incanti la mostra sui cento anni della Triestina con una novità che costituisce un’attrazione non da poco per chi vive il calcio tra passione e ricordi.

«Proprio ieri ho avuto il via libera dalla Federazione italiana per avere a Trieste le quattro Coppe del Mondo vinte dalla nazionale - ha rivelato l’assessore Giorgio Rossi -. Una vetrina di livello assoluto che Roma ci ha concesso per l’ottimo rapporto sviluppato in questi ultimi anni». Quindi dal 18 dicembre fino al 2 gennaio i trofei saranno esposte al Salone degli Incanti.

Giorgio Della Valle, a nome del comitato organizzatore, ha illustrato l’intenso cartellone degli appuntamenti che spaziano dallo sport, alle feste organizzate dai club e dai ragazzi della Furlan, a momenti culturali capaci di rinsaldare il legame dell’Unione con la città che rappresenta.

Ma la suggestione di un anno particolare è un momento unico anche per rafforzare la Triestina sul versante strutturale. In primis la logistica che si traduce nella disponibilità di campi per gli allenamenti della prima squadra e del settore giovanile. Sul tema il sindaco Dipiazza è perentorio: «Troveremo con la Fidal la disponibilità del Rocco, l’operazione sulla risistemazione dell’area Ferrini è stata avviata ma c’è di più: la zona del terrapieno di Barcola, una volta bonificata, potrebbe essere la sede ideale sulla quale la Triestina possa costruire il suo centro sportivo. Ed è un’operazione che potrebbe realizzarsi in tempi relativamente brevi. Il Comune si impegnerà a fondo su questa idea».

È stata la Triestina ad aver già presentato un progetto sull’area che è la naturale prosecuzione di tutta la zona del Porto Vecchio. Insomma a medio termine un problema che si sta trascinando da sempre potrebbe trovare una soluzione ideale.

Nell’immediato però c’è da definire la questione Grezar. La sistemazione del terreno deve sfruttare la stagione propizia e l’accordo di utilizzo con la Fidal va fatto subito. Perché l’Unione dopo il ritiro di Piancavallo deve allenarsi e non girovagare come ha fatto in questi due anni nonostante le tante promesse rimaste tali. E poi il Grezar diventa indispensabile per gli allenamenti delle nazionali Under 21 che parteciperanno al prossimo Europeo. E a propopsito il new look del Rocco sta procedendo. Si sta lavorando sul manto erboso e i seggiolini (per la tribuna vip ci saranno quelli riscaldati) saranno collocati entro l’inizio

del prossimo campionato di C.

Il Centenario della Triestina insomma assieme alle celebrazioni porterà qualcosa di duraturo per far crescere il calcio in una città nella quale, oltre ai tifosi e alla nuova società, anche le istituzioni facciano la loro parte.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trieste Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro